Verona, offside fantasma per la Juve. Il Chievo da' lezioni di stile VIDEO

Gli scaligeri danneggiati gravemente dalla svista del guardalinee Preti. Il presidente Luca Campedelli scende negli spogliatoi del Bentegodi per rincuorare l'assistente che aveva alzato la bandierina su un fuorigioco inesistente

La "Vecchia Signora" non molla mai. Ma gli onori vanno anche al Chievo che in campo ha scelto di non abbandonarsi al pronostico che li vedeva soccombere contro "i più forti del campionato". Gli scaligeri danneggiati gravemente dalla svista del guardalinee Preti nel match contro la Juve danno anche lezione di stile. E anziché scatenare un putiferio, placano gli animi. Il presidente Luca Campedelli si è presentato negli spogliatoi del Bentegodi ed ha saluto e rincuorato l'assistente che aveva alzato la bandierina su un fuorigioco inesistente, negando il gol del 2-1 a Paloschi.

Un gesto per far capire che un modo diverso per intendere il calcio c'è, molto apprezzato anche dagli avversari. "Se succedera', anche noi andremo a confortare l'arbitro e gli assistenti" ha risposto Antonio Conte, appresa l'iniziativa del patron del Chievo. "Stiamo cercando di parlare pochissimo delle decisioni arbitrali - ha aggiunto -. Stavolta c'è stato un episodio a nostro favore e ne prendiamo atto, ma non è stato eclatante. Un domani qualcosa potrà accadere a nostro sfavore, come è già successo in questo avvio di campionato". Poi tuttavia si è riaffacciata per un attimo la sindrome-bianconera. "Se però a ogni errore a favore nostro i media enfatizzano la situazione - ha continuato Conte - allora il problema è dei media più che nostro. Spero di non dover vedere anche nei prossimi giorni discussioni e discussioni su questo episodio, perché la partita è stata anche altro".

CHIEVO VERONA - JUVENTUS 1-2 | ANALISI PARTITA E HIGHLIGHTS

Il fair play del numero uno gialloblù trova in linea anche il tecnico dei veneti, Sannino: "Ma no, lasciamo stare. L'errore sul gol di Paloschi ci può stare - afferma -. Stare a parlarne ora mi sembra francamente inutile. Piuttosto mi sembra giusto parlare della prestazione del Chievo. Ho visto una buona squadra che ha chiuso tutti gli spazi, forse potevamo creare qualcosina in più, ma di fronte avevamo la Juventus, una grande squadra". Stile Chievo si potrebbe dire, confermato dalle parole del team manager del club, Marco Pacione. "Il presidente - spiega - - è andato come fa sempre a salutare gli arbitri augurando loro un buon ritorno a casa. Lo fa sempre, nulla di nuovo. Se ha protestato? Assolutamente no. Anzi è stato un incontro molto cortese".

VIDEO DA OURMATCH.NET
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento