rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Sport Centro storico / Piazza Bra

Verona Marathon, al via 11 mila partecipanti di 50 nazionalità diverse

A vincere un'esordiente nel maschile e un'olimpionica nel femminile. Più che raddoppiati gli atleti stranieri alla partenza

11 mila persone di 50 nazionalità diverse (più che raddoppiati gli atleti stranieri) hanno corso ieri, 20 novembre, l'edizione 2016 della Verona Marathon e con risultati davvero validi. Al suo primo tentativo, il keniano Edwin Kipngetich Koech, classe 1992, ha vinto in 2h10’52”. Mentre nel femminile a vincere è l'olimpionica ungherese Tunde Szabo in 2h44’19”.

verona-marathon-2016-foto-francesca-soli-2

Bella la gara di Edwuin Koech, con il passaggio alla mezza maratona in 1h06’34” come preventivato il giorno precedente nello studio della tattica di gara da attuare e splendido e brillante nella seconda metà di gara con un parziale inferiore. Passaggi cronometrici di gran livello che fanno capire il sicuro avvenire del giovane ragazzo in questa specialità.

Podio di maratona completato dal connazionale Abraham Limo distanziato di 4’18” e tricolore italiano che sventola con il terzo posto assoluto dello studente di medicina bresciano Nicola Venturoli, che ha concluso in 2h26’37”. Tra le donne è seconda la quattro volte vincitrice della 100km del Passatore Marija Vrajic con 2h48’52”, mentre è terza Valentina Facciani in 2h52’50”, una delle donne più attese di questa Verona Marathon.

Solo quarta in 2h53’50” e un po’ delusa per dei problemi accusati ad un piede durante la gara, Nikolina Sustic, la croata vincitrice della passata edizione.

verona-marathon-2016-foto-francesca-soli-2-2

"Un esordio speciale per me in maratona - ha raccontato Edwin Koech a fine gara - sono davvero molto soddisfatto. Verona è una città unica, sono entusiasta. Mi alleno in Kenya a Capsabet con il gruppo di Stanley Biwott vincitore della Maratona di New York 2015".

Oltre alla Verona Marathon si è corsa oggi in contemporanea anche la terza edizione della Cangrande Half Marathon che ha registrato il successo del veronese Nicolò Olivo in 1h09’41” davanti a Marco Montorio, 1h11’32” e Leonardo Giletta terzo in 1h11’35”. Gara femminile dominata dalla ex modella Sara Galimberti che ha fatto un più che valido 1h13’48” che le ha permesso di distanziare l’ex ungherese, oggi italiana, Judit Varga sul traguardo in 1h18’55”. Terza assoluta Manuela Manca in 1h20’26”.

"Sono in ripresa e sono stracontenta di come ho corso oggi, di questa vittoria, di questo tempo finale che mi soddisfa molto - le parole di Sara appena messa la medaglia al collo - Due settimane fa ho corso a Madrid in una giornata molto più difficile. Ci voleva questo successo che mi stimola ad andare avanti dopo che sono stata diversi mesi ferma per una microfrattura al bacino. Una gara bellissima questa, mi sentivo talmente bene che me la sono goduta. Nel mio futuro adesso c’è una maratona, vedremo presto quale e quando".

Il programma della Veronamarathon Eventi continua l'8 dicembre con la Christmas Run di Modena, domenica 11 dicembre la Christmas Run Cremona ed infine domenica 18 dicembre gran finale dell’anno con l’attesissima Christmas Run Verona.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona Marathon, al via 11 mila partecipanti di 50 nazionalità diverse

VeronaSera è in caricamento