Verona, Chievo nel baratro: mister Corini saluta e se ne va. Ufficiale: al suo posto arriva Maran

Le pesanti sconfitte delle ultime partite non hanno salvato nemmeno colui che godeva di fiducia "incrollabile" di patron Luca Campedelli. Il nuovo allenatore: "Gioia doppia perché in gialloblù ho vissuto quasi tutta la mia carriera da giocatore"

Mister Rolando Maran

"Genio" non ce l'ha fatta a resistere per più di un anno, dopo essere stato richiamato sulla panchina. Le pesanti sconfitte delle ultime partite non hanno salvato nemmeno colui che godeva di fiducia "incrollabile" di patron Luca Campedelli dopo l'avvio incerto, nel 2013, di mister Sannino. La società ChievoVerona ha da poco comunicato di aver affidato la conduzione della Prima squadra a Rolando Maran. Sostituisce appunto Eugenio Corini. L’accordo raggiunto è su base annuale con opzione per il secondo anno. La presentazione del nuovo mister si svolgerà martedì 21 ottobre alle 12, allo "Sport Hotel Veronello".

Queste le prime parole del nuovo tecnico gialloblù: “Per me si tratta di un’emozione grandissima. È una gioia doppia perché al ChievoVerona ho vissuto quasi tutta la mia carriera da giocatore. Adesso che ritorno da allenatore, spero di rivivere le emozioni provate in quegli anni. Perché ho scelto di accettare la proposta del Chievo? Perché parlando con il presidente Luca Campedelli e il direttore sportivo Luca Nember ho trovato, sin da dall’inizio, una grande sintonia e una compattezza in ciò che si vuole raggiungere. Quando ci sono questi presupposti si può lavorare bene”.

CON IL CHIEVO - È l’estate del 1986 quando Rolando Maran, proveniente dalla Benacense, e il ChievoVerona neopromosso in serie C2 si incontrano per la prima volta. Da quel momento in avanti, il nuovo tecnico del Chievo indosserà la maglia giallobù per ben 330 volte, molte delle quali con la fascia di capitano. Numeri che ne fanno il quinto giocatore di sempre del Chievo tra i professionisti.

Difensore atleticamente prestante ma corretto, dimostra la sua abilità anche nell’area avversaria con i suoi 12 goal, realizzati soprattutto grazie alla bravura nei colpi di testa. Uno di questi entra di diritto nella storia del club del presidente Luca Campedelli: quello con cui il ChievoVerona supera la Juve Domo conquistando matematicamente la promozione in serie C1. È il 14 maggio 1989 ma non sarà tuttavia l’ultimo traguardo tagliato da Maran, che si toglierà anche la soddisfazione di accompagnare il ChievoVerona in serie B, dove giocherà in 22 occasioni realizzando la rete della vittoria (2-1) sul Venezia. Una rete segnata dopo aver duellato con un giovanissimo Bobo Vieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della stagione le strade si dividono, ma non per molto. Nel campionato cadetto edizione 1997/1998 sulla panchina gialloblù arriva a sedere Silvio Baldini e il suo “secondo” è proprio lui: Rolando Maran, nato a Trento il 14 luglio 1963 e da oggi il nuovo allenatore del ChievoVerona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Innamorata di un ragazzo, genitori non approvano e la tengono chiusa in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento