Sport Zai / Via Belgio

Verona, calciomercato Hellas: Iturbe pressato. Il ds Sogliano: "Andrà via solo con offerta giusta"

Il direttore sportivo gialloblù in tournée in Brasile non si trattiene e confessa le importanti trattative sul campione argentino cresciuto in maglia scaligera. E Romulo? "Sfortunato, non si è mai fatto male, sarebbe stato un bel Mondiale per lui"

"Iturbe? Andrà via se ci fanno l'offerta giusta". Ancora una volta non si smentisce, il direttore sportivo dell'Hellas Verona, Sean Sogliano, che da sempre non si trattiene in merito alla situazione di casa gialloblù. Soprattutto sul, calciomercato. Il campioncino argentino, diventato un vero pupillo di tifosi e società, è al centro di importanti trattative che potrebbero portarlo presto a giocare per altri club di Serie A. O addirittura all'estero. Sogliano parla durante il ritiro della tournée Hellas in Brasile: "La cosa bella è che tutti, dai compagni all'allenatore e fino alle persone esterne, hanno capito che è un ragazzo speciale. Ed è stato bello vederlo crescere - spiega il ds -. Ha fatto vedere grandi cose, è destinato a fare una grande carriera se mantiene questa mentalità, che in parte già aveva e che in parte ha acquisito con noi. Non possiamo nasconderci, sappiamo che è al centro di trattative importanti. Sono contento di averlo visto tranquillo, lui sa esattamente come sono le cose, ci sono possibilità che possa andare in una grande squadra. E sa benissimo che il Verona ha fatto uno sforzo inimmaginabile per prenderlo. Per questo oggi si fida di noi, sa che se arriverà l'offerta che riteniamo giusta andrà via, ma, come ha detto anche il presidente, se non arriva l'offerta rimane con noi e ne saremo felicissimi. Detto questo aggiungo che è molto più facile che vada via che vederlo ancora con la maglia del Verona".

Continua Sogliano dal Sudamerica: "E' giusto dirlo altrimenti illudo i tifosi e anche me stesso. Iturbe è molto felice di questa stagione. Gli abbiamo dato fiducia e lui è cresciuto tanto sotto tutti i punti di vista. Si è molto legato a tutte le persone che l'hanno circondato, dallo staff ai magazzinieri e anche alla stampa, si vede che qui è felice. Nonostante sia al centro dell'attenzione lui è sereno e consapevole che potrebbe avere davanti l'occasione della vita. Conosce però anche il mondo del che calcio, che molte volte ti illude".

E l'altro campione cresciuto a Verona, Romulo? Su di lui, e sulla rinuncia alla Nazionale impegnata nei Mondiali, proprio in Brasile, Sogliano si dischiara dispiaciuto: "Sarebbe stata un'esperienza bellissima per lui e una soddisfazione per noi. Sicuramente ha pagato una condizione non ottimale nel finale di stagione. È stato molto sfortunato perché non aveva avuto mai nessun infortunio durante la stagione, senza questo intoppo sarebbe stato sicuramente nei 23. Poi se un calciatore non sta bene non può andare al Mondiale. Sono d'accordo con la scelta di Prandelli".

E infine il rapporto con l'allenatore Andrea Mandorlini. Con lui nei giorni scorso si è cementato il rapporto di fiducia, arrivando a rinnovare il contratto fino all'estate del prossimo anno. Spiega Sogliano che con il mister "abbiamo dimostrato unità anche nei momenti difficili. Il nostro interesse più grande è il Verona e credo che fino a quando questo rimarrà il nostro obiettivo saremo sempre più uniti. Abbiamo davanti una stagione difficile e credo che per affrontarla al meglio il mercato sia importante, ma le persone di più. Ci aspetta un'estate molto difficile, i calciatori dovranno riposarsi, noi non ne avremo il tempo, ma è giusto così". 

L'INTERVISTA AL DIRETTORE SPORTIVO SEAN SOGLIANO, DAL BRASILE
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, calciomercato Hellas: Iturbe pressato. Il ds Sogliano: "Andrà via solo con offerta giusta"

VeronaSera è in caricamento