Una nuova ala al servizio di Dalmonte: la Scaligera ingaggia Mattia Udom

Dopo aver vinto la regular season del girone Ovest di A2 con Biella, il 23enne approda sulle sponde dell'Adige: "Farò parte di un progetto ambizioso e questo mi stimola molto, per di più con un allenatore come Dalmonte che conosco bene"

Foto scaligerabasket.it

La costruzione del roster della Scaligera Basket per la prossima stagione si arricchisce di un nuovo tassello. La società veronese ha ingaggato Mattia Udom, ala di due metri che nell'ultima stagione ha vinto la regular season del girone Ovest di Serie A2 con Biella, in un’annata da 10.5 punti a partita, tirando col 55% da due ed il 79% ai liberi, con un massimo di 25 contro Latina e 19 contro Roma, andando anche in doppia cifra con 14 e 13 punti in gara-2 e gara-4 nella serie playoff contro la Tezenis e chiudendo con una media di 5.5 rimbalzi.

Ventitré anni compiuti il 17 novembre, fiorentino di Bagno di Ripoli, di madre francese e padre nigeriano, Udom è cresciuto nel settore giovanile della Mens Sana Siena, campione d’Italia Under 17 e due volte in finale per titolo nazionale con l’Under 19, prima di essere aggregato alla prima squadra. Inserito nel roster della stagione 2013-2014, l'ala ha disputato 11 partite di campionato con l’esordio alla prima giornata contro Cremona, vincendo la Supercoppa italiana e arrivando fino alla finale-scudetto. Per lui anche quattro presenze in Eurocup col debutto contro il Khimki Mosca.
Da Siena il trasferimento alla Fortitudo Agrigento, con cui ha conquistato la finale per la promozione in Serie A persa con Torino dopo un’annata da 6.2 punti e quattro rimbalzi in 45 gare, impreziosita dalla chiamata della Nazionale Sperimentale proprio di coach Dalmonte. Di nuovo a Siena nella stagione successiva, ancora in A2, in quintetto-base con 35 gare totali ed una media di 9.9 punti e 6.6 rimbalzi.

"Ho giocato spesso contro Verona, anche nei playoff con Agrigento e a maggio con Biella. Ed ogni volta che l’ho avuta di fronte - racconta Udom - ho pensato che mi sarebbe proprio piaciuto un giorno vestire quella maglia. Verona ha tanti aspetti positivi che messi insieme hanno indirizzato la mia scelta. La piazza è di primo livello ed il palazzetto molto coinvolgente. In più in questi anni, seppur da avversario, ho percepito anche la serietà della società. Farò parte di un progetto ambizioso e questo mi stimola molto, per di più con un allenatore come Dalmonte che conosco bene".

"Siamo felicissimi - commenta Daniele Della Fiori, direttore sportivo della Scaligera Basket - di aggiungere Udom al nostro roster. L’abbiamo inseguito a lungo e non è stato facile battere la concorrenza, come è normale per un lungo italiano che ha fatto così bene nel corso delle ultime stagioni. Mattia è una bravissima persona prima che un bravo giocatore, porterà qualità e quantità alla nostra squadra. Vogliamo metterlo nelle condizioni di poter compiere il definitivo passo in avanti per la propria carriera. Sarà una pedina fondamentale della prossima stagione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento