rotate-mobile
Sport

Sorrentino shock: niente Genoa, resta al Chievo

Federico Pastorello, procuratore del portiere, categorico: " saltato tutto, non c' accordo"

Tutto fermo in casa Chievo. Il mercato dei gialloblù fino ad oggi è stato “ostaggio” della trattativa di vendita del portiere Stefano Sorrentino al Genoa, passaggio che sembra essere saltat. Così sembra stando alle parole del procuratore del numero uno Federico Pastorello: “È saltato tutto, non c'è accordo, è difficile che si possa tornare indietro”. Sorrentino, quindi, a meno di un colpo di scena dell'ultima ora, rimane al Chievo e questo blocca anche l’arrivo in riva all’Adige del portiere brasiliano Ribinho, candidato numero uno per sostituire proprio Sorrentino tra i pali della porta clivense che, adesso, sarà costretto a fermarsi a Palermo a fare il secondo alla rivelazione dello scorso campionato Salvatore Sirigu.

Il mancato trasferimento è un colpo duro per Sorrentino, ma anche per il Chievo. Il portiere, che ha 31 anni, sperava di poter giocare in Europa, infatti, oltre al Genoa, sulle sue tracce ci sono state anche Sampdoria e Juventus. I clivensi, invece, hanno perso un’ottima occasione per fare cassa ed avere così la possibilità di reinvestire sul mercato i soldi della vendita del portiere. Adesso il diesse Giovanni Sartori dovrà muoversi diversamente. In ogni caso gli obiettivi di mercato restano gli stessi di prima. In cima ai desideri gialloblù c’è il centrocampista uruguaiano del Napoli Mariano Bogliacino.


Per l’attacco, invece, si profila un inatteso ritorno. Sartori starebbe lavorando per arrivare a Simone Tiribocchi, già al Chievo dal 2004 al 2007. A sponsorizzare il ritorno del Tir ci si è messo anche il capitano Sergio Pellissier, il quale ha detto: “Siamo legati da una profonda amicizia. Simone tra l'altro è un grande giocatore. In passato erano pochi a scommettere sulla nostra accoppiata. Ritrovarlo a Verona mi farebbe un immenso piacere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorrentino shock: niente Genoa, resta al Chievo

VeronaSera è in caricamento