menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sconfitta con onore delle armi per l'Antares

Sconfitta con onore delle armi per l'Antares

Sconfitta con onore delle armi per l'Antares

Le ragazze di Pillitu perdono contro Crovegli Cadelbosco, ma giocano alla grande

Il 2010 dell'Antares Verona inizia con una sconfitta di misura al termine di una partita che, se fosse stato possibile, avrebbe dovuto finire con un pareggio. Raramente si è vista infatti negli ultimi anni a Palazzina una sfida talmente spettacolare ed equilibrata, capace di incollare gli spettatori alle tribune a cuore in gola per ben 125 minuti, con un punteggio finale che dice tutto: 113 punti per la squadra di casa, 114 per il Crovegli Cadelbosco.

Eppure la partenza aveva fatto presagire qualche possibilità maggiore per la formazione di Greca Pillitu, che inizia fortissimo nel primo set portandosi avanti per 20-10. Le reggiane danno però un assaggio di quanto faranno poi vedere nel corso del match, vale a dire uno spirito irriducibile che non conosce la resa: le giallorosse si riportano infatti sotto, prima a 20-15 e poi a 22-19, limitando i danni e chiudendo a meno 4.

La seconda frazione è la fotocopia della precedente, con le locali avanti fino a 21-15, ma questa volta la squadra emiliana riesce nel suo intento e rimonta da 22-19 a 22-23, resistendo alla reazione veronese e avendo la meglio ai vantaggi. Le ospiti ci credono e spingono sull’acceleratore anche nel terzo set: il vantaggio di Cadelbosco è costante e anche abbastanza ampio, sempre intorno ai 5-6 punti. L'Antares insegue un po’ in affanno e riesce a riavvicinarsi dal 17-22 al 21-22, ma si arrende nel finale e va sotto nel conto-set.

Il quarto parziale è al cardiopalmo: le due squadre si combattono alla pari dando vita a un’appassionante serie di rovesciamenti di fronte, dal 4-1 al 5-8, dal 12-14 al 15-14, dal 19-20 al 22-20. Crovegli ha la palla-match sul 23-24 ma Ballardin segna due punti e spiana la strada al 27-25 gialloblù. Non cambia la musica al tie-break, che termina inevitabilmente ai vantaggi nonostante anche in questo caso sia l'Antares a condurre sempre i giochi (4-1, 8-5, 11-8).

Reggio Emilia riesce ad andare sul 12-13, subisce il contro-sorpasso veronese ma annulla il match-ball avversario chiude 14-16. Un po’ di amaro in bocca in casa veronese al termine della partita, anche perché si è sfiorata la quarta vittoria in altrettanti tie-break disputati in questo primo campionatori B1. Resta comunque l’orgoglio per la consapevolezza di aver giocato alla pari con una squadra assolutamente competitiva, destinata a crescere ancora nella seconda parte della stagione e a risalire la classifica.

Da segnalare il rientro in campo, nelle fasi finali degli ultimi due set, di Monica Maran
: bentornata ad una delle atlete più esperte e vincenti della pallavolo veneta, una delle protagoniste della promozione gialloblù in serie B1, l’anno scorso. Ora l'Antares, che è riuscita comunque a conservare il suo ottimo quarto posto, è attesa sabato dalla delicata trasferta nel derby di Cerea.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento