menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Thorsby anticipa di testa Silvestri per il 3-1

Thorsby anticipa di testa Silvestri per il 3-1

Sampdoria - Hellas Verona 3-1 | Si spegne la luce nella ripresa e i gialloblu affondano

Passati meritatamente in vantaggio nel primo tempo con il calcio di punizione di Vlahovic, gli uomini di Juric nella ripresa hanno subito il ritorno dei blucerchiati, andati a segno con Jankto, Gabbiadini (rigore) e Thorsby. È la quarta sconfitta nelle ultime cinque gare

Nella trentunesima giornata di Serie A è arrivata la quarta sconfitta nelle ultime cinque partite per l'Hellas Verona, che allo Stadio Marassi è stato rimontato dalla Sampdoria, che si è imposta per 3-1. 

È partita aggressiva la squadra di Juric, che per l'occasione ha preferito arretrare Barak e schierare Salcedo sulla trequarti, mentre in difesa è stato scelto Dimarco come terzo di sinistra. Dopo due minuti erano già tre gli angoli guadagnati dai gialloblu, a testimonianza della loro ottima partenza, mentre la formazione di Ranieri ha faticato soprattutto a far girare la sfera con rapidità. Ritmi alti fin da subito a Marassi, con gli scaligeri che come detto si sono trovati più a loro agio rispetto agli avversari, sprecando però alcune situazioni favorevoli. A siglare il vantaggio allora ci ha pensato Lazovic con un magistrale calcio di punizione sul primo palo. 
Match molto divertente nei primi 45 minuti, con diversi ribaltamenti di fronte. Ma se la Sampdoria ha creato l'unico vero pericolo della prima frazione con un tiro di Verre che ha impegnato Silvestri, i gialloblu invece si sono mostrati poco cinici: davanti ad un avversario poco compatto, che soffriva la loro pressione e la loro rapidità nelle ripartenze, i ragazzi di Juric non sono riusciti ad approfittare della situazione. Prediligendo come al solito la fascia sinistra per attaccare, dove si sovrapponevano e scambiavano Dimarco, Lazovic e Zaccagni, gli ospiti non hanno concretizzato la grande mole di gioco creata e la pericolosità dei loro contropiedi, che hanno visto spesso Colley arrancare su Lasagna. In grande difficoltà soprattutto negli ultimi 20 metri per i raddoppi di marcatura e i pochi sbocchi in fase di uscita, la formazione blucerchiata è arrivata negli spogliatoi sul finale di frazione sotto di una sola rete. 

Scossa dal suo tecnico e dal triplo cambio operato nell'intervallo, al rientro in campo è stata un'altra Sampdoria. Ed anche un altro Verona. Partiti aggressivi, i doriani hanno subito trovato il pareggio, con il cross del neo entrato Candreva arrivato ad un altro neo entrato, Keita, il cui tiro è stato respinto ed è finito sui piedi di Jankto, che sotto misura ha battuto Silvestri di potenza. Completamente cambiata l'inerzia della partita, con il Verona che sostanzialmente non è più riuscito come nel primo tempo ad aggredire gli avversari con i tempi giusti e a proporsi in ripartenza con la stessa efficacia, rischiando di andare sotto già al 50' ancora con Jankto, che si è divorato il vantaggio a tu per tu con Silverstri, dopo essere stato servito da Keita. A quel punto anche Juric ha provato a correre ai ripari con un doppio cambio, ottenendo così un po' più di freschezza ma senza riuscire a ribaltare l'andamento della gara e al 72' Tameze ha ingenuamente "tamponato" Keita in area, costringendo Dionisi ad assegnare il calcio di rigore: sul dischetto si è così presentato Gabbiadini, che ha spiazzato Silvestri. 
Finito sotto l'Hellas ha provato a reagire, trovando però solo un tiro alto di Dimarco. Juric allora ha cercato di dare maggiore spinta offensiva alla sua squadra, ma all'82' Silvestri è uscito maldestramente su un lancio dalle retrovie di Adrien Silva e Thorsby di testa ha potuto approfittarne anticipandolo. Ultimi assalti scaligeri nel finale con Dawidowicz protagonista, ma al triplice fischio il risultato era ancora inchiodato sul 3-1. 

Un bel primo tempo e una ripresa da dimenticare, hanno consegnato all'Hellas Verona la sua dodicesima sconfitta stagionale, certificando il periodo difficile dei gialloblu. I primi 45 minuti hanno visto la formazione scaligera in assoluto controllo del match, durante i quali ha sciupato alcune ottime situazioni nate da contropiede al sicuro il risultato, mentre nella ripresa i ragazzi di Juric hanno sofferto il cambio d'atteggiamento della Sampdoria, più aggressiva e con maggiori occasioni di uscita dopo i cambi, senza riuscire a trovare le giuste contromisure. 
Il Verona ora è atteso dal turno infrasettimanale di campionato, che lo vedrà martedì sera misurarsi contro la Fiorentina al Bentegodi.   

Il tabellino 

SAMPDORIA - HELLAS VERONA 3-1

MARCATORI: Lazovic (HV) al 13', Jankto (S) al 46', Gabbiadini (S) su rig. al 73', Thorsby (S) all'82'.

SAMPDORIA (4-4-1-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Jankto (dall'86' Tonelli), Thorsby, Silva, Damsgaard (dal 46' Candreva); Verre (dal 46' Keita); La Gumina (dal 46' Gabbiadini).
A DISPOSIZIONE: Ravaglia, Letica, Ramirez, Askildsen, Regini, Ferrari, Leris, Quagliarella. ALLENATORE: Claudio Ranieri.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Dawidowicz, Günter (dal 77'), Dimarco; Faraoni, Sturaro (dal 58' Tamèze), Barák (dal 77' Favilli), Lazovi?; Salcedo (dall'81' Colley), Zaccagni (dal 58' Bessa); Lasagna.
A DISPOSIZIONE: Berardi, Pandur, Udogie, Ili?, Çetin, Ceccherini, Rüegg. ALLENATORE: Ivan Juri?.

ARBITRO: Federico Dionisi da L'Aquila.

AMMONITI: Verre, Faraoni, Tameze, Keita, Yoshida. 

La cronaca

PRIMO TEMPO - Subito due corner per i gialloblu nel giro di un minuto. Conto che sale a tre al secondo di gioco.
3'. Botta di Faraoni dal limite: palla alta.
5'. Partita divertente su buoni ritmi.
6'. Dimarco non riesce a colpire bene la sfera in area.
9'. Lasagna lanciato in area, scarica su Zaccagni, velo per Salcedo, ma a quel punto la difesa è rientrata.
11'. Yoshida devia il cross di Zaccagni, ma Audero è attento.
12'. Ammonito Verre per un fallo su Lasagna fuori area.
13'. Calcio di punizione: batte Lazovic che sorprende Audero sul primo palo.
16'. Contropiede Verona, ma l'assist di Barak viene respinto. Sul ribaltamento è Silvestri a mettere in angolo il tiro di Verre.
Samp un difficoltà nei primi 20 minuti, contro la velocità e l'aggressività degli ospiti.
23'. Zaccagni non riesce a colpire bene il cross di Salcedo.
25'. Out il colpo di testa di Salcedo sull'ennesimo calcio d'angolo per gli scaligeri.
28'. Arrivato in area dopo essere stato lanciato da un triangolo con Lasagna, Zaccagni vede il suo tiro respinto dalla difesa.
Verona più pericolo nella prima mezzora, mentre i padroni di casa faticano negli ultimi 20 metri.
34'. Colpo di testa largo di Dawidowicz, che poi ci riprova dopo pochi secondi ma Audero blocca senza problemi.
38'. Sturaro chiude su Jankto, dopo una bella azione in velocità della Samp.
I padroni di casa provano a guadagnare campo nel finale di frazione.
43'. Spinta di Jankto a Faraoni al limite dell'area: Dionisi fa recuperare.

SECONDO TEMPO - Triplo cambio per la Doria.
46'. Pareggio immediato della squadra di Ranieri: il tiro ribattuto di Keita arriva a Jankto, che batte Silvestri con un potente mancino.
50'. Miracolo di Silvestri su Jankto, che si fa parare il tiro dopo essere stato servito in area da Keita in contropiede.
Ottima partenza dei padroni di casa nella ripresa, galvanizzati dalle modifiche apportate all'intervallo. È il Verona ora a faticare ad uscire.
56'. Gabbiadini mette fuori di testa il cross di Candreva.
58'. Contromossa di Juric, non soddisfatto della ripresa dei suoi.
60'. Colpo di testa alto di Faraoni su punizione di Dimarco.
61'. Ammonito Faraoni per una trattenuta su Candreva.
L'Hellas non riesce ad essere aggressivo come nel primo tempo e ad essere ugualmente pericoloso.
68'. Candreva ferma il contropiede condotto da Bessa.
72'. Keita sfugge a Tameze e mette davanti il corpo: l'attaccante finisce a terra dopo essere stato "tamponato" ed è rigore. Sul dischetto va Gabbiadini, che non sbaglia e firma il sorpasso.
76'. L'Hellas prova a reagire, ma il tiro di Dimarco è alto.
77'. Altro doppio cambio per Juric.
78'. Favilli, in area, non riesce ad approfittare dell'errore di Yoshida.
80'. Giallo per Dawidowicz per fallo su Keita.
81'. Dentro anche Colley per Salcedo.
82'. Uscita avventata di Silvestri su cross dalle retrovie di Adrien Silva e Thorsby ne approfitta di testa.
83'. Ammonito Keita per fallo su Dimarco.
85'. Fallo di Yoshida su Lasagna: giallo.
86'. Dentro anche Tonelli per Jankto. 
91'. Azione insistita dell'Hellas che ci prova, ma Dawidowicz colpisce Audero sotto misura. Il portiere poi blocca un colpo di testa di Lazovic.
93'. Dimarco dalla bandierina trova Dawidowicz, che di testa prima coglie il palo e poi costringe Audero ad una parata di riflesso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento