menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona Rugby non passa a Colorno. Zanichelli: "Meritavamo di più"

Risultato finale: 32-20 per gli emiliani che hanno sfruttato la superiorità fisica in mischia. Per i veronesi spiccano le prestazioni di Beltrame, Rossi, Bergamo e Braghi

Finisce con una sconfitta amara il match del Verona Rugby sul terreno della capolista Colorno nella terza giornata della Poule Promozione della Serie A. 32 a 20 il finale, che premia con cinque punti Colorno e lascia a secco i neroverdeblu. Fatali per gli scaligeri i due finali di tempo: allo scadere di ambedue le frazioni Verona ha incassato due mete e 14 punti. Risultato non solo amaro, ma anche poco fedele nel riportare sia un match vibrante, aperto e spettacolare, sia una buona prova veronese, impreziosita da qualche lampo di assoluta qualità. Colorno ha vinto in virtù della forza e della superiorità fisica della mischia. Un Colorno che è apparso meno arioso e manovriero e più fisico, concreto e arroccato attorno al pack. Verona, pur soffrendo a tratti in mischia chiusa, ha disputato una prova maiuscola in difesa, ha lottato magnificamente nei punti di incontro e ha saputo alimentare al largo un rugby offensivo aperto e inventivo, segnando due splendide mete in velocità. Anche nei momenti difficili, in cui Colorno sembrava scappar via nel punteggio, i veronesi hanno saputo risalire la corrente giocando con cuore e carattere. Colorno si è dimostrato una corazzata solida e potente, pienamente attrezzata per i play off, ma Verona ha dimostrato di poter competere sui livelli di vertice del girone.

Sul piano dei singoli, ottima la prima linea parmigiana assieme all’asse formato da Ceresini e Bronzini ed enorme la mole di carries del gigantesco Nibert. Per Verona, nella buona prova collettiva, spiccano le performance dell’ala 18enne Filippo Beltrame, del tallonatore Alessandro Rossi, del centro Bergamo e di Enea Braghi, un leone a dispetto delle quasi 36 primavere.

Inizio di gara favorevole al Colorno. La mischia chiusa conquista una punizione che Ceresini mette tra i pali già al terzo minuto. Verona resiste e al quarto d’ora passa. Dopo un'avanzata da touche nella zona rossa parmense, Dunbar si attira due difensori, scarica su Venturini che innesca Beltrame: l’ala scaligera evita con una finta il diretto avversario e vola con un colpo di reni in meta. Trasformazione angolata riuscita e Verona avanti sul 3 a 7. Attorno alla mezz’ora, la squadra di casa sale in cattedra. Cattina e Olivieri incassano due gialli e Colorno segna prima con Boccarossa dopo una chiusa avanzante e poi con una meta tecnica proprio allo scadere. 17 a 7 all’intervallo. Nella ripresa, Beltrame centra i pali con un piazzato. Colorno risponde con Nibert. 22 a 10 e Colorno sembra saldamente in sella al match. Ma immediatamente Verona reagisce. Dunbar lancia Bergamo, che apre un varco profondo in mezzo al campo, trova Beltrame in sostegno pronto a riciclare su Lorenzo Innocenti, abile a rientrare e a uscire poi per il tuffo vincente in bandierina. Tutto a grande velocità, accompagnato dall’applauso anche del pubblico parmense. Beltrame converte dal corner e alla mezz’ora mette tra i pali un altro penalty da 35 metri. 22 a 20 e match di nuovo apertissimo. Nel finale, Colorno ruggisce e prima allunga sul 25 a 20 con un piazzato guadagnato in mischia chiusa, poi blocca il tentativo di reazione veronese e trova allo scadere anche la meta del bonus con Bronzini dopo una penalty-touche.

"Bella prova del Verona su questo campo che per noi sembra stregato - ha detto l'allenatore dei veronesi Zanichelli - Abbiamo concesso troppi falli nei moneti cruciali e patito un po' la loro superiorità fisica. Mi sembravano un po' in calo, noi avremmo potuto gestire meglio le fasi degli ultimi minuti. Meritavano di più. Ma il campionato è ancora lungo".

Domenica prossima pausa e poi, domenica 5 marzo, un vero test match per Verona sul terreno del Valsugana di Padova, vittorioso ad Udine e a punteggio pieno come Colorno.

Colorno: Bronzini, Lauri ('70 Papa), Castagnoli, Scalvi E. ('70 Terzi), Balocchi, Ceresini, Boccarossa ('70 Righi), Scalvi F., Birchall ('55 Borsi, 74' Tripodi), Mannuini, Da Lisca ( '65 Benchea), Nibert, Gilding, Buondonno ('50 Baruffaldi), Goegan ('65 Datola). All. Sinclair.

Verona: Corso M. ('72 Michelini), Innocenti, Venturini, Bergamo, Beltrame, Dunbar, Mariani ('72 Pastormerlo), Cattina, Artuso ('58 Pauletti), Zago, Olivieri ('58 Liboni), Braghi, D'Agostino ('52 Balistreri), Rossi, Munteanu ('55 Rizzelli). A disp. Russo, Bellini. All. Zanichelli-Borsatto.

Arbitro: Meconi di Roma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento