Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Sport Centro storico / Piazza Brà

Matuzalem alla corte di Mandorlini: "Qui tanti amici, è come tornare in famiglia"

È stato presentato oggi il centrocampista brasiliano Matuzalem che si unirà al resto della squadra e potrebbe già giocare la prossima partita di campionato contro la Lazio

Conferenza stampa di presentazione oggi a Verona per Matuzalem, il centrocampista brasiliano classe 1980 che è arrivato a rinfoltire la rosa dell'Hellas ultimamente falcidiata dagli infortuni. Dopo aver militato tra le fila del Brescia, essere stato ceduto all'estero in Ucraina allo Shakhtar e poi in Spagna al Real Saraggozza, Matuzalem ha vestito le maglie di Lazio, Genoa e infine Bologna. E ora, decisamente carico, il suo arrivo alla corte di Mandorlini, dopo un breve periodo da svincolato, durante il quale ha però garantito di essersi sempre allenato bene, così come si legge in una nota diffusa dall'Hellas Verona:

 

VERONA, L'INCONTRO CON TANTI AMICI «Il mio arrivo a Verona? Da svincolato pensavo solo ad allenarmi e stare bene, non ho guardato tanto il mercato, vedevo gli altri che giocavano e questo non era bello. Durante la trattativa ho sentito Nando Coppola e Rafael che mi hanno chiesto se era vero che stavo per arrivare a Verona, così ho risposto ‘speriamo’ (ride, ndr).

Ringrazio il Presidente Setti e il Direttore Sportivo Bigon per questa opportunità. Qui ho trovato tanti amici, è stato come tornare in famiglia (ride, ndr). Come sto? Da quando sono arrivato qui mi sono sottoposto ad allenamenti molto importanti, spero di essere al più presto a disposizione del mister. Ci siamo quasi, mi mancano il pallone e la partita. Non sono ancora al 100%, non ho i 90 minuti delle gambe, ma se serve farò di tutto per esserci».

LA SQUADRA E IL MIO RUOLO «Il mio impiego a centrocampo? A Lazio e Genova ho giocato anche a sinistra, negli ultimi anni davanti alla difesa, cercherò di fare al meglio qualsiasi cosa che mi sarà richiesto. Ovviamente, grazie alla mia esperienza, posso aiutare i giovani della rosa a crescere. Un commento sul gruppo? Nel Verona ci sono molti calciatori importanti, il gruppo è composto da bravi ragazzi, se il gruppo è unito è compatto si può fare la differenza. Gli infortuni? Sono arrivato da poco, posso dire che questo momento è un po’ delicato, ma ci sono tanti ragazzi che hanno voglia di fare bene e di mettere in difficoltà il mister per le sue scelte, una dimostrazione di questo è stata la prestazione con l’Inter. Il momento del Verona? La classifica è quella che è, magari avremmo potuto avere qualcosa in più, serve fare risultato con la Lazio. Anche se l’Inter ha una squadra di campioni abbiamo visto che possiamo giocarcela anche con le grandi, dobbiamo ripartire da questa cosa positiva e andare avanti. Un paragone tra Mazzone e Mandorlini? Entrambi chiedono molto in allenamento, il mister sa che questo aiuta ad esprimere il massimo anche in partita».

LAZIO? AVVERSARIO TOSTO, MA... «Un commento sulla Lazio? E’ stata una squadra importante per la mia carriera, mi piacerebbe batterla. Non hanno fatto un grande inizio di campionato, però vengono da una vittoria. Arriveranno con molto entusiasmo, noi saremo pronti e avremo la possibilità di fare un risultato positivo».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matuzalem alla corte di Mandorlini: "Qui tanti amici, è come tornare in famiglia"

VeronaSera è in caricamento