Pordenone - Chievo Verona 1-1 | Beffa allo scadere: è pari, Musiolik risponde a Fabbro

Due punti gettati al vento per la squadra di Aglietti che in vantaggio ha poi regalato il pari

Pordenone Chievo Verona gol Fabbro 2020

Sfida combattuta quella andata in scena. oggi, sabato 7 novembre, tra il Pordenone ed il Chievo Verona, valida per la sesta giornata del campionato di serie BKT. Un pari alla fine forse anche giusto per la determinazione messa in campo dai padroni di casa, ma che certo sa molto di beffa per i clivensi che hanno letteralmente gettato via due punti. 

Nella prima frazione gli ospiti si sono resi pericolosi con Viviani al 14° dalla lunga distanza, poi con Gigliotti, da posizione ravvicinata, giusto un paio di minuti più tardi: conclusione in girata da due passi, ma Perisan con un gesto felino ha salvato i suoi. Al 24° è poi arrivata un'occasionissma sui piedi di Djordjevic da praticamente dentro l'area piccola, ma Perisan si è davvero superato compiendo un miracolo d'istinto. Il Chievo si è rivelato più propositivo, rischiando qualcosa solo allo scadere del primo tempo con Diaw che ha lasciato partire un bel tiro mancino da posizione defilata e che è terminato fuori di poco.

Nel secondo tempo i padroni di casa sono partiti meglio, rendendosi pericolosi in almeno due ciircostanze, prima con il solito Diaw e poi con Magnino di testa. Ma la svolta del match è arrivata solo al 60°, quando Fabbro e Garritano si sono inventati una splendida triangolazione che ha portato alla rete del vantaggio clivense. Combinazione sulla trequarti campo tra i due, poi cross al centro dalla sinistra di Garritano verso l'area e Djordjevic che è riuscito soltanto a sfiorare la sfera. Sul pallone è però intervenuto lo stesso Fabbro che aveva iniziato l'azione con una sponda di testa per Garritano: a due passi dalla porta, magistrale tocco sotto di esterno destro con la palla a mezz'altezza e pallonetto vincente sul portiere in leggera uscita. Un piccolo gioiello da incorniciare per la prima rete di Fabbro con il Chievo.

Un po' tramortiti dopo lo svantaggio i padroni di casa hanno rischiato di capitombolare nel giro di due minuti: al 64° sempre Fabbro ha sprecato con un tiro alto un'ottima opportunità, mentre al 66° Djordjevic ha colpito la traversa di testa sugli sviluppi di un corner. Errori o sfortuna che sia, il Chievo ha poi pagato alto il prezzo del mancato raddoppio. Al secondo dei quattro minuti di recupero concessi dall'arbitro è infatti arrivata la rete del pari: errore goffo in fase di impostazione per un'incomprensione tra Viviani e Renzetti, palla recuperata dal Pordenone che ha trovato con Musiolik lo spiraglio giusto per battere Semper. Al triplice fischio il Chievo resta così nei piani alti della classifica, in attesa del risultato dell'Empoli, ma con la certezza di aver sprecato una ghiotta occasione. Prossima sfida sabato 21 novembre, alle ore 16, per un infuocato derby veneto contro il Vicenza.

La diretta della partita

Primo tempo

  • 1° Calcio d'inizio, al via la sfida.
  • 3° Calcio di punizione di Calo da posizione defilata sulla sinistra. Para centrale Semper.
  • 14° Botta dal limite dell'area di Viviani con il sinistro, para Perisan in due tempi. Chievo pericoloso.
  • 16° Occasionissima con Gigliotti per il Chievo in girata ravvicinata da dentro l'area, sulla però quale Perisan in allungo interviene e salva i suoi.
  • 24° Parata incredibile di Perisan su una conclusione mancina ravvicinata in area piccola da parte di Djordjevic. Occasione enorme per il Chievo Verona che gioca molto bene.
  • 43° Brivido per il Chievo con Diaw che per poco non trova la porta con una conclusione da posizione defilata sulla sinistra.
  • 45°+1 Si chiude qui un primo tempo combattuto che ha visto il Chievo andare molto vicino al vantaggio. Reti però inviolate dopo i primi 45 minuti.

Secondo tempo

  • 45° Al via la seconda frazione: parte forte il Pordenone molto propositivo in attacco.
  • 50° Soluzione dalla lunga distanza per Garritano: gran botta di destro, ma la palla è troppo centrale e Perisan blocca senza affanni.
  • 53° Risponde Diaw con un tiro insidioso si prima intenzione, ma Semper devia in corner. Sugli sviluppi altra occasione per i padroni di casa: colpi di testa di Magnino e Semper blocca. Partita viva.
  • 60° Splendida rete di Fabbro, la prima col Chievo: triangolazione meravigliosa con Garritano, cross dalla fascia mancina, Djordjevic sfiora e Fabbro con un tocco morbido di esterno fa un delizioso pallonetto. Perisan immobile, Chievo Verona in vantaggio.
  • 64° Altra occasionissima per Fabbro: cross rasoterra dalla sinistra di Renzetti, tiro di destro al volo dell'attaccante clivense da buona posizione, ma palla troppo alta.
  • 66° Corner dalla sinistra per il Chievo e colpo di testa di Djordjievic che finisce sulla parte alta della traversa.
  • 73° Fuori Ciciretti e dentro Canotto per il Chievo Verona.
  • 85° Fuori Djordjevic per Del Luca,  Margiotta per Fabbro e Garritano per Giaccherini nel Chievo Verona.
  • 90° Scocca il novantesimo, sono 4 i minuti di recupero.
  • 92° Beffato il Cheivo: palla persa in uscita. tra Viviani e Renzetti, Musiolik ne approfitta e con la punta del piede sinistro anticipa tutti beffando Semper. Parità.
  • 94° Finisce qui, grande beffa per il Chievo.

Le formazioni ufficiali

Pordenone Calcio: Perisan, Berra, Vogliacco, Calo, Diaw, Ciurria, Magnino, Misuraca, Bassoli, Camporese, Butic. 

A disposizione: Bindi, Passador, Stefani, Musiolik, Banse, Pasa, Mallamo, Chrzanowski, Rossetti.

Allenatore: Tesser.

A.C. ChievoVerona: Semper, Mogos, Leverbe, Gigliotti, Renzetti; Ciciretti, Palmiero, Viviani, Garritano; Fabbro, Djordjevic.

A disposizione: Seculin, Rigione, Illanes, Cotali, Pavlev, Morsay, Zuelli, Giaccherini, Canotto, De Luca, Margiotta, Pucciarelli.

Allenatore: Aglietti.

ARBITRO: Alessandro Prontera di Bologna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento