Sport Stadio / Piazzale Olimpia

Paralimpiadi di Tokyo, comincia l'avventura dei veronesi Brunelli e Falco

Comincia la veterana della nazionale italiana di tennis da tavolo che domani affronterà prima un'avversaria argentina e poi una croata. Per Michela Brunelli è il quarto appuntamento paralimpico consecutivo. Federico Falco, invece, è al debutto

Sarà domani, 25 agosto, il debutto alle Paralimpiadi di Tokyo della prima pongista veronese che fa parte della squadra azzurra, guidata dal direttore tecnico Alessandro Arcigli e dall'allenatore Donato Gallo. Michela Brunelli, che con i suoi 47 anni è una veterana della squadra azzurra, alla sua quarta presenza paralimpica consecutiva, giocherà in classe 3 nel girone di qualificazione del singolo femminile domani alle 3.20 (ora italiana) contro l’argentina Veronica Soledad Blanco e alle 11.40 contro la croata Andela Muzinic, da lei già battuta a Rio e agli ultimi Europei. Giovedì alle 13.40 sarà invece in campo a battersi contro la messicana Edith Sigala Lopez.
L'altro veronese del tennis da tavolo è Federico Falco, 27 anni, alla sua prima Paralimpiade, e giocherà venerdì contro l'argentino Fernando Eberhardt.

Michela Brunelli è carica: «Sono pronta per dare il massimo, saremo in sedici e sono l'ottava del ranking. Avremo cinque gironi, quattro da tre e uno da quattro, e le prime due di ognuno saranno ammesse al tabellone. Nel mio gruppo avrò una testa di serie e poi bisognerà avere un po' di fortuna nel sorteggio, per pescare un'avversaria più alla portata. Io mi gioco le mie carte: il mio gioco è al 70-80% d'attacco e quando c’è la chance per attaccare non ci penso un secondo e sono anche efficace. Mi batto bene anche con il rovescio: mi affido a un taglio molto insidioso e fastidioso».
Federico Falco vive invece l'emozione del debutto: «A Tokyo non sarò tra i favoriti assoluti, ma ho una grande voglia di fare bene e di provare a mettere i bastoni tra le ruote degli atleti che hanno qualcosa più di me, sia come esperienza, sia come bagaglio di medaglie alle spalle. Ho comunque alle spalle due Mondiali e tre Europei e so che imparare a gestire l'emozione può fare la differenza. Sicuramente l'esperienza degli ultimi Europei, dove ho conquistato il bronzo, mi darà supporto nel gestire al meglio le difficoltà».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paralimpiadi di Tokyo, comincia l'avventura dei veronesi Brunelli e Falco

VeronaSera è in caricamento