rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Sport

Mandorlini: "Presto per parlare del modulo del mio Hellas"

Il neo tecnico: "Ci sono dieci giorni poer valutare la situazione. Lasciatemi lavorare"

Andrea Mandorlini è pronto a conquistare il popolo dei tifosi dell'Hellas ma per farlo dovrà risollevare una squadra che se non si può definire in crisi poco ci manca. L'ex Cluj ha firmato un contratto biennale e sarà coadiuvato da Roberto Bordin (allenatore in seconda), Ermes Morini (preparatore dei portieri) e Mauro Marini (preparatore atletico).

 "Sono contento, non fare la Champions League ha significato essere pronti per Verona. Sono orgoglioso di ciò, la piazza è importantissima, conosciamo la difficoltà. Ci sono dieci giorni a disposizione, le parole le porta via il vento. Servono fatti, mi auguro di essere la persona giusta. Molti amici mi hanno chiamato perchè mi attende un'avventura prestigiosa, questo è l'unico club che avrei preso in considerazione. Mio figlio ha militato nel settore giovanile scaligero per diversi anni, la realtà la conoscevo già. La continuità è importante, ma ritengo l'abbiate sentito molte volte. Devo rendermi subito conto delle qualità e delle caratteristiche dei giocatori, negli ultimi dieci anni ho schierato il 4-3-3 ma vanno effettuate le adeguate valutazioni. Sfruttiamo il tempo a disposizione per conoscerci. I punti di distacco dalle prime posizioni sono molti, bisogna fare in fretta. Quella attuale non è una bella situazione, prendiamone atto e lavoriamo per uscirne".


C'è anche un retroscena curioso: mentre Martinelli e Siciliano annunciavano Mandorlini, il ds Gibellini era a colloquio con Paolo Vanoli. Quando si dice i problemi di comunicazione interna...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mandorlini: "Presto per parlare del modulo del mio Hellas"

VeronaSera è in caricamento