Sport Via Centro

Toni sul derby: "Loro sono i favoriti ma noi più la sfida è difficile più ci esaltiamo"

In conferenza stampa il bomber scaligero parla della stracittadina che prenderà il via domenica alle 12.30 e non solo: "Molti tifosi del Verona sembrano non tenerci ma in realtà non è così"

Nella stracittadina che si svolgerà domenica alle 12.30 al Bentegodi, sarà il pericolo pubblico numero 1 per la difesa clivense. Stiamo parlando di Luca Toni, bomber dell'Hellas Verona con 18 marcature stagionali, che oggi si è presentato in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti. 

"La partita con il Chievo? Sarà importante per la squadra e per tutti i tifosi. All'andata abbiamo perso male, con un gol in fuorigioco, ma ormai quella giornata è il passato. Domenica dobbiamo fare una grande gara, loro non subiscono gol, stanno bene e sono in forma. Mi stupiva vedere il Chievo nelle zone basse della classifica, la loro rosa è composta da calciatori che giocano insieme da anni in Serie A. Per quanto ci riguarda, più le partite sono difficili e più ci esaltiamo, speriamo di fare una grande gara, giochiamo fuori casa ma sinceramente è come fossimo in casa nostra. I nostri punti di forza? Siamo una squadra un po' strana, alterniamo grandi prestazioni ad altre meno buone.Nel ritorno sono loro i favoriti, stanno meglio di noi e hanno più punti".

L'attaccante poi spende una parola sul modo di vivere il derby da parte dei sostenitori dell'Hellas: "Una caratteristica del derby? Molti tifosi del Verona sembrano non tenerci ma in realtà non è così. Mi dicono che questo non è il vero derby ma mi incitano anche a non perdere. Penso che questa sia una bella partita, vanno fatti i complimenti alla città di Verona per avere due squadre in Serie A". 

Toni è in piena corsa per il titolo di capocannoniere della serie A, trovandosi al secondo posto insieme a Icardi dell'Inter, a due sole lunghezze dallo juventino Tevez: "Io capocannoniere della Serie A? Sarebbe un regalo bellissimo, ci provo ma ci sono cose più importanti. La squadra giocherà per me come al solito, ma vengono prima i miei compagni. Se riuscirò a vincerla sarò ancora più contento, sarebbe un'altra bella soddisfazione, ma se non la vinco non divento matto. Un giudizio sul mio campionato? Penso di aver fatto bene". 

Il numero 9 poi parla anche di una questione che tiene sulle spine tutta la tifoseria scaligera: Che farà a fine campionato? "Ora il presidente deve fare scelte più importanti. Io continuerò qui se ci saranno i presupposti che mi hanno permesso di fare bene in questi due anni. Vediamo ciò che succederà dopo certe decisioni e poi valuteremo con tranquillità. Se ho voglia di continuare? Quando fai 18 gol in Serie A vuol dire che stai ancora bene, se avrò proposte che non mi piacciono posso anche smettere. Parlerò con chi devo parlare, poi con presupposti giusti posso continuare". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toni sul derby: "Loro sono i favoriti ma noi più la sfida è difficile più ci esaltiamo"

VeronaSera è in caricamento