menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Legrottaglie e il "suo" Chievo "Noi al centro del mondo"

Legrottaglie e il "suo" Chievo "Noi al centro del mondo"

Legrottaglie e il "suo" Chievo "Noi al centro del mondo"

Il difensore, che affronter i giallobl domenica, ora un ex: "Ma quei mesi sempre nel mio cuore"

Storie e ricordi che si intrecciano tra Chievo e Catania. Gli anni "magici" della squadra della Diga, quelli in cui da cenerentola la squadra gialloblù diventò una nobile del calcio, costituiscono un bagaglio di ricordi che chi poi ha lasciato Verona per altri lidi porta con sé con piacere.

E' il caso anche di Nicola Legrottaglie, che si fece notare dal 2011 al 2003. Domenica i gialloblù ce li avrà contro. "Porterò sempre con me l'esperienza scaligera - commenta il difensore - qualcosa in comune c'è tra le due realtà. Più per quanto riguarda il modo di vedere il calcio all'interno delle due società. Le differenze, invece, sono enormi. In quei due anni eravamo una squadra di una frazione di una città che combatteva contro i primi della classe, Catania è una grande città".

Chi ha vissuto la "favola Chievo", però, non può che parlarne con soddisfazione: "Credo che quella squadra rimarrà comunque storica - afferma Le Grottaglie - Una piccola frazione che è diventata grandissima. Mi ricordo che a gennaio eravmo primi in classifica, non credo succederà ancora da qui a cent'anni. In quei mesi tutto il mondo si era riversato a Veronello, arrivavano telecamere da Cina e Stati Uniti per raccontare la nostra storia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento