rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Sport

L'Hellas vuole il suo "principe": Giannini

Il tecnico ex Gallipoli vicinissimo alla panchina giallobl, le alternative sono Moriero e Baroni

Sono ore concitate queste in via Torricelli. Il duo Siciliano-Gibellini sta lavorando per scovare il nuovo tecnico dell’Hellas Verona. I nomi fatti in questi giorni sono tanti, ma finalmente sembra che la rosa dei papabili si sia ristretta. In cima ai desideri dei vertici gialloblù adesso c’è Giuseppe Giannini, adesso a spasso, ma che ha allenato il Gallipoli nelle ultime due stagioni, centrando una storica promozione in Serie B nel 2009.

Un allenatore della nuova generazione, giovane e vincente, avvezzo alle sfide e senza peli sulla lingua, proprio quello che servirebbe ad una piazza esidente e “rustica” come Verona. Inoltre “il principe”, così era chiamato Giannini quando infiammava l’Olimpico con la maglia della Roma sulle spalle, conosce bene tre gialloblù, Francesco Cangi, Giuseppe Russo, Gennaro Esposito e Francesco Di Gennaro per averli allenati proprio al Gallipoli.

Se dovesse sfumare Giannini, le alternative potrebbero essere Francesco Moriero, ex guida del Frosinone che due anni fa è riuscito a riportare il Crotone in Serie B, e Marco Baroni, ex giocatore dell’Hellas attualmente sotto contratto con il Siena. Ma per l’Hellas non c’è solo la grana allenatore, ma anche quella relativa alle comproprietà.


Scade infatti il prossimo venerdì 25 giugno il termine massimo per definire le situazioni relative ai cartellini di Bertolucci (Sangiovannese), Massoni (Sassuolo), Campisi (Atalanta), Esposito (Siena) e Di Gennaro (Gallipoli). Siciliano e Gibellini vorrebbero tenere in riva all’Adige sicuramente Di Gennaro ed Esposito, ma proveranno a riscattare anche gli altri tre per non smembrare una rosa che, nonostante i critici continuino a massacrare anche a campionato finito, è di prim’oridine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Hellas vuole il suo "principe": Giannini

VeronaSera è in caricamento