rotate-mobile
Sport

L'Hellas vuol dare una Spal...lata al suo campionato

Esordio domenica a Ferrara sulla panchina giallobl per Andrea Mandorlini: di fronte la capolista

Finalmente senza Giannini (andava esonerato dopo il ko di Gubbio) in panchina, il Verona spera che la musica possa cambiare e che il resto del campionato sia scandito dal suono del… Mandorlini. Anche se per l’esordio di domenica a Ferrara sarà bene non aspettarsi una marcia trionfale. Debutto più difficile infatti non poteva esserci: vedersela con la Spal, prima in classifica col Sorrento.
 

La squadra di Notaristefano si presenta alla sfida con il morale alle stelle per la vittoria conquistata nel derby a Reggio Emilia e forte di indiscussi valori tecnici. In avanti fa paura la coppia Cipriani (9 gol)-Fofana (4) alla luce anche delle amnesie finora fatte registrare dalla difesa gialloblù, più balbettante di uno studente impreparato a un’interrogazione. E anche la solidità della difesa dei ferraresi (la migliore  con Alessandria e Pergocrema) nella quale svettano l’ex Zamboni, Smit e Belleri, non consente di essere ottimisti vista la pochezza dell’attacco gialloblù.
 
Ma proprio il fatto di aver poco da perdere potrebbe consentire al Verona di dare il meglio (o almeno il meno peggio). Al di là delle scelte tattiche di Mandorlini che dovrebbe optare per il 4-3-3, suo marchio di fabbrica, dai gialloblù ci si aspetta un cambio di mentalità. Non sarà più tollerabile vedere giocatori con la maglia del Verona vagare per il campo (senza meta e senza idee) con la stessa andatura con la quale certi pensionati di sera portano a passeggio il cane. Senza più Giannini sono finiti anche gli alibi per i calciatori. Da qui alla apertura del mercato di gennaio tutti sono sotto esame e chi non si dimostrerà all’altezza dovrà essere messo alla porta dalla società senza tante giustificazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Hellas vuol dare una Spal...lata al suo campionato

VeronaSera è in caricamento