Calzedonia: si è fatto già fotografare in gialloblu, Kaziyski è tornato

Dopo aver vinto il campionato giapponese, lo schiacciatore bulgaro è atterrato al Catullo. Terminerà la stagione a Verona e avrà poche gare a disposizione per raggiungere i playoff

Kaziyski con la maglia della Calzedonia (Foto di repertorio)

La Calzedonia BluVolley Verona deve ancora dare la comunicazione ufficiale, ma le foto apparse sulla fan page di Facebook dedicata a Matey Kaziyski non lasciano dubbi. Dopo aver vestito i colori gialloblu nella scorsa stagione, lo schiacciatore bulgaro è tornato a Verona dopo aver vinto il campionato giapponese di pallavolo con il Jtekt Stings.

Kaziyski è atterrato ieri, 1 marzo, all'aeroporto Catullo dove è stato accolto calorosamente e si è fatto subito fotografare con la sciarpa e la maglia della Calzedonia.

Come nella passata stagione, Kaziyski è arrivato a campionato in corso, solo che in quest'annata avrà meno partite a disposizione per aiutare la Calzedonia a risalire la classifica. Al club gialloblu mancano cinque gare al termine della stagione regolare e l'accesso ai playoff non è sicuro. Inoltre, non è detto che l'atleta possa disputare tutte le partite in calendario, perché i suoi impegni in Giappone non sarebbero finiti con la vittoria del campionato.

Comunque, Kaziyski pare che sia tornato per restare. Nelle prossime stagioni, potrebbe giocare ancora a Verona dove con il coach Radostin Stoytchev tornerà a formare una delle coppie più vincenti del volley.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

Torna su
VeronaSera è in caricamento