rotate-mobile
Sport

Jesi amara per la Tezenis. Interrotta la serie positiva

Marcelletti per resta fiducioso: "La squadra non ha mai mollato. Ho visto teste da salvezza"

In partita fino all’ultimo, nonostante una serata non facile. La Tezenis interrompe a Jesi una striscia di due vittorie di fila, vede il punteggio fermarsi alla sirena sul 95-88 al termine di una gara in cui la Scaligera ha sempre risposto colpo su colpo ad un avversario molto motivato che ha chiuso col 61% nel tiro da tre. I gialloblù avevano il lutto sulle maglie per la scomparsa di Pino Brumatti, gigante della pallacanestro italiana che la sua impronta forte l’ha lasciata anche a Verona da giocatore prima e da dirigente poi.

A fine partita l’analisi di Franco Marcelletti evidenzia due aspetti in particolare. "Siamo mancati parecchio in difesa, siamo stati troppo morbidi. In più abbiamo pagato le condizioni di Porta, che aveva un problema fisico. La squadra comunque non ha mai mollato e questo atteggiamento dobbiamo mantenerlo fino alla fine per raggiungere la salvezza".

 
In modo particolare durante il match sono apparsi in evidenza Jurevicus e Renzi. Così Marcelletti: "Mareks sta crescendo, sta conoscendo il campionato italiano. Sta facendo le sue esperienze, importanti. Siamo contenti per lui. Andrea sta dimostrando di essere umile, lavora bene in allenamento, ascolta. Questa è la chiave. Perché sei hai qualità fisiche, tecniche ma soprattutto hai la testa per diventare giocatore è automatico che tu lo diventi. E tutti noi ce lo auguriamo, per il bene di tutto il basket italiano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jesi amara per la Tezenis. Interrotta la serie positiva

VeronaSera è in caricamento