Hellas Verona - Vicenza, le probabili formazioni | Pecchia suona la carica per il derby

Il tecnico chiede ai suoi un'altra partita di sacrificio per trovare tre punti importantissimi e "vendicare" la sconfitta dell'andata, arrivata nella nebbia dello stadio Menti

Allo stadio Bentegodi, nel pomeriggio di lunedì, è in programma il derby veneto tra Hellas Verona e Vicenza, per la trentanovesima giornata di Serie B. 

Con il Frosinone impegnato sul campo della Salernitana e la Spal fermata dallo Spezia, Pecchia potrebbe riuscire ad allungare sulla terza e ridurre le distanze dalla prima, ma per farlo avrà bisogno dei tre punti: i gialloblu sono chiamati a riscattare la sconfitta dell'andata, arrivata nella nebbia dello stadi Menti. 
I biancorossi si trovano in piena zona playout, ad un punto dal terzultimo posto e tre dalla salvezza: Torrente quindi è obbligato a cercare un risultato utile al Bentegodi, che potrebbe alla fine rivelarsi decisivo nella corsa salvezza. 

QUI HELLAS VERONA - "Ci sono 12 punti in palio, questa è una gara da affrontare, come le ultime, con lo spirito giusto, con grande personalità. Questo è un derby, c'è rivalità, pensiamo alla classifica e ai tre punti in palio. All'andata fu una brutta prestazione, sappiamo come è andata, ma ora la squadra ha la maturità per sapere dell'importanza della gara e di cosa vorrebbe dire fare bottino pieno. Ognuno gioca per il proprio obiettivo, questo vale per tutte le squadre. In questo momento chi ha più energia e più voglia porta a casa il risultato. Dobbiamo fare una partita importante e trascinare il nostro pubblico, sono convinto che si creerà il clima giusto, quello di uno stadio infuocato come il nostro. Torniamo da queste due trasferte consapevoli che serve la giusta umiltà per portare a casa il risultato. Perugia? Tutte le gare si possono vincere, ma non esistono partite facili, sicuramente potevamo gestire meglio i 30 secondi dopo il gol. Quando c'è stato da soffrire, anche a Bari, tutti hanno avuto la voglia di sacrificarsi e fare anche il lavoro sporco, di questo sono contento. Per vincere, oltre alla voglia di soffrire, ci vogliono la qualità e la determinazione. E' stato un tour de force, ma ora avremo il tempo necessario per recuperare le energie tutte le energie fisiche e mentali necessarie. Pisano si è allenato con noi, ho praticamente tutta la rosa a disposizione e rientrano anche i due squalificati Ferrari e Siligardi, questo fa ovviamente piacere. Bruno Zuculini? E' in crescita, non è facile inserirsi in un gruppo, ma riesce a proporsi bene anche in zona gol. Ma abbiamo bisogno di tutta la rosa per fare questo sprint finale. Testa bassa e continuare a pedalare, questo deve essere il nostro motto. Noi dobbiamo rincorrere, e la situazione è ben chiara alla squadra. La Spal può gestire il vantaggio mentre noi dobbiamo continuare a lottare e guardare avanti. Vivo le sensazioni e le emozioni che questa piazza dà, ma sono un professionista e devo continuare a restare concentrato sul campo, indirizzando la squadra. Dobbiamo prendere le energie positive, lasciando stare tutto il resto. Mi fa rabbia che escano voci in un momento delicato, posso dire di lavorare da dieci mesi con una società che non ci ha mai fatto mancare niente, che ci ha messo nelle migliori condizioni possibili per operare ed esprimerci al meglio. Vicenza? E' cambiata la guida tecnica, ma la struttura è simile all'andata, hanno qualità in mezzo al campo ed energie, con un Ebagua in più".
Queste le dichiarazioni di Fabio Pecchia riportate dal sito ufficiale della scoietà gialloblu, il quale potrà contare su importanti rientri in occasione del derby, mentre non sarà a disposizione Bianchetti. Ferrari quindi dovrebbe prendere posto in difesa, mentre resta da vedere se Pisano sarà pronto a scendere sul terreno di gioco dal primo minuto: in quel caso l'under 21 andrebbe probabilmente in mezzo con Caracciolo, altrimenti vestirà i panni del terzino per fare spazio a Boldor, sempre che il tecnico non decida di arretrare ancora Romulo. In attacco dovrebbero giocare Siligardi, Pazzini e Luppi, mentre in mezzo sembrano sicure le presenza di Bessa e Bruno Zuculini, con Valoti, Fossati e Zaccagni che scalpitano.  

QUI VICENZA - "Il derbyssimo? Dobbiamo cercare di fare risultato, come nelle ultime due partite. Ci proveremo anche con il Verona, cercando di regalare una gioia ai nostri tifosi. E’ una partita stimolante, chiunque la vuole giocare e sappiamo di incontrare una grandissima squadra. Proveremo ad affrontarla con coraggio e personalità. L’obiettivo è di cercare di vincere ma sappiamo del valore assoluto dei nostri avversari. I convocati? Orlando sta meglio, ha ripreso a lavorare con il gruppo. Vediamo se parte titolare o a gara in corso. De Luca? E’ un valore aggiunto, ha molta voglia. Ed è un giocatore importante per noi, ci da più soluzioni nel variare il sistema di gioco. Sappiamo che Ebagua non è al meglio, quindi decideremo lunedì chi andrà in campo. Devo tenere conto delle condizioni fisiche, non posso mandare in campo che non stiano al meglio. Sarà una partita intensa e aggressiva, deve giocare chi sta bene. Bellomo trequartista? E’ una soluzione possibile, come contro il Novara. Ci permette di giocare in modo diverso, alzandolo come vertice alto. Mi è piaciuto molto nell’ultima gara. Amelia indisponibile? E’ in permesso concordato con la società, noi siamo concentrati su chi c’è e sulla partita. Non è un problema. Partita nervosa? Servirà la partita perfetta, sotto l’aspetto tattico, fisico e soprattutto nervoso. I duelli diventeranno decisivi, soprattutto in un derby non bisognerà cadere nelle provocazioni. Noi dobbiamo concentrarci su ciò che sappiamo fare, proporre gioco e non disperdere le energie. Pazzini? Per la B non c’entra nulla, bisognerà stare attenti in area perché è un calciatore fortissimo. Ma dovremo stare attenti a tutto il Verona, fraseggiano molto bene, hanno qualità in tutti i reparti e noi andremo per giocarcela. Grandissimo rispetto, ma senza paura. I nostri tifosi? Cercheremo di fare il meglio per regalargli una gioia, contro il Novara sono stati un valore aggiunto e lo potranno essere anche a Verona. Una gioia da regalare a loro e per la classifica". 
Così Vincenzo Torrente in conferenza stampa, come riportato dal sito del club berico. L'allenatore biancorosso deve fare i conti con alcuni acciacchi come Vita e Orlando, i quali sono stati convocati pur non essendo al meglio della forma. In difesa quindi dovrebbe essere riproposta la stessa linea schierata col Novara, con Pucino, Adejo, Esposito e D'Elia, mentre a centrocampo dovrebbero partire Signori, Gucher e Bellomo. Per quanto riguarda il tridente d'attacco invece, i probabili titolari sono De Luca, Ebagua e Giacomelli, ma solo lunedì Torrente scioglierà i propri dubbi. 

ARBITRO - Eugenio Abbattista di Molfetta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Finta concessionaria nel Veronese per truffare i clienti, denunciato 21enne

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Lutto nella Polizia di Stato: si è spento a 58 anni il commissario Rasi

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

  • Previste quasi 9.500 assunzioni nel Veronese in questo mese di gennaio

Torna su
VeronaSera è in caricamento