Hellas Verona - Inter, le probabili formazioni | Juric cerca soluzioni in attacco

Favilli, Di Carmine e Kalinic non dovrebbero essere recuperabili, quindi il tecnico potrebbe affidarsi a uno tra Salcedo e Colley, mentre Zaccagni e Lazovic sono i principali indiziati per le due maglie sulla trequarti

Eddie Salcedo

Il turno infrasettimanale della quattordicesima giornata di Serie A, mette di fronte Hellas Verona ed Inter allo stadio Bentegodi, alle 18.30 di mercoledì. 

Dopo la vittoria sulla Lazio la formazione di Juric è apparsa meno brillante del solito, soprattutto nella sfida casalinga contro la Sampdoria, rimanendo comunque nella metà sinistra della classifica con 20 punti in 13 giornate. Nelle grandi sfide però i gialloblu hanno spesso tirato fuori energie insperate e grandi prestazioni, mettendo in grave difficoltà avversari più blasonati. 
Dopo l'uscita dalle coppe europee, Conte è costretto a puntare forte sul campionato. Dopo la sfida con lo Shaktar sono arrivate 3 vittorie in altrettante partite e ora, con il Milan impegnato nella delicata sfida con la Lazio, può arrivare il sorpasso in classifica proprio prima di Natale: serve però una vittoria. 

I PRECEDENTI - Nelle 29 sfide che si sono disputate al Bentegodi gli ospiti si sono imposti in 15 occasioni, mentre 4 sono i successi dei padroni di casa e 10 i pareggi. 

QUI HELLAS VERONA - «Se il 2020 è stato il mio miglior anno da allenatore? È stato sicuramente un anno magico, come anche quello a Crotone. Come allora, siamo riusciti ad andare oltre ogni previsione.
Come valuto l'Inter? Sono la squadra più forte e hanno l'allenatore migliore del campionato. I nerazzurri sono certamente dei serissimi candidati alla vittoria dello scudetto. Hanno un gioco molto codificato e stanno cercando di inserire i giocatori ideali per le idee dell'allenatore. Come si fermano? Con la partita della vita, sperando magari che loro non siano al massimo. Non potremo sbagliare niente, ma al contempo non lasceremo nulla di intentato.
Chi può giocare al centro della difesa per contenere Lukaku? Sia Günter che Magnani hanno fatto bene contro la Fiorentina, giocando con concentrazione. Poi c'è anche Lovato che può fare quel ruolo. Rüegg? È entrato molto bene nell'ultima gara, dandoci grande slancio. Ha dovuto trascorrere un periodo di adattamento al nostro calcio, ma si allena bene già da un po'. Può giocare anche dall'inizio, seppure abbia ancora qualcosa da imparare a livello tattico.
Chi giocherà in attacco? Mancando anche Baràk, difficilmente ci sarà Tameze nella posizione di 'falso nove'. Salcedo ha fatto bene ultimamente, poi a Firenze era molto stanco. E devo stare attento anche a Zaccagni da questo punto di vista, perché nell'ultimo periodo ha dato tanto e fare quattro partite in dieci giorni non è facile per nessuno. Yeboah? È un ragazzo molto veloce, ma ha ancora tanto da imparare. Ha caratteristiche importanti, è una punta centrale e quando è entrato al Franchi ha fatto il suo. Potrebbe entrare a gara in corso anche domani.
Lazovic sulla trequarti? È un'opzione. Dimarco sta facendo bene in entrambe le fasi, mentre dare più libertà a Lazovic in questa fase può essere l'idea giusta. Noi sappiamo quanto vale. Dawidowicz in mediana? No. Chi rifiaterà? In difesa abbiamo fatto benissimo sabato, non concedendo praticamente niente, quindi spero che i ragazzi recuperino al meglio. In attacco serve sempre freschezza, quindi ci sto ragionando. Lì bisogna stare bene per poter fare la differenza.
Se mi fa piacere che il Cittì Mancini e Antonio Conte si complimentino con noi? Per me stiamo facendo molto bene nello spirito e nel modo di difendere, ma abbiamo anche grandissimi margini di miglioramento. Ovviamente, li ringrazio per i bei complimenti.
Se sfrutterò la sosta per far riposare i giocatori? Abbiamo solo tre giorni liberi, praticamente niente. Poi ricominceremo con la normale routine settimanale. Chi ha giocato tanto merita questi giorni di riposo. Cercheremo di recuperare gli indisponibili.
Se qualcuno tornerà disponibile con il nuovo anno? Avremo tre partite decisive in una settimana e speriamo di arrivarci con qualche giocatore recuperato dall'infermeria.
Ilic? Può diventare un giocatore importante. Come Veloso ha un ottimo piede e i tempi di giocata, è bravo in impostazione e ha grande conoscenza del gioco. Ha margini davvero importanti per poter diventare un centrocampista box-to-box. Credo sia un organizzatore di gioco, ma anche con una predisposizione naturale all'inserimento.
A che punto siamo nel nostro percorso di crescita? Non lo so, perché non ho mai avuto la 'rosa' a completa a disposizione. E solo in quel modo si posso vedere davvero le potenzialità di una squadra. Per ora ci siamo concentrati sulle cose pratiche. Il 'mercato' di gennaio? Dopo la partita ci vedremo con il Direttore Sportivo, Tony D'Amico. Ragioneremo assieme sull'opportunità di fare qualche inserimento: per raggiungere l'obiettivo della salvezza non dobbiamo sbagliare niente». 
Queste le parole di Juric riportate dal sito ufficiale della società. Nonostante la riduzione della squalifica Barak sarà a disposizione solo dalla prossima partita, avendo ancora una giornata da scontare, mentre dovrebbero essere ancora out gli acciaccati Benassi, Kalinic, Vieira, Favilli e Di Carmine. In attacco dunque potrebbe esserci Colley come punta e non Salcedo, mentre dietro di lui dovrebbe toccare ancora a Lazovic e Zaccagni. In mediana probabile la presenza di Veloso e Tameze, con Faraoni e Dimarco sulle fasce. In difesa potrebbe rivedersi anche Cetin, che si gioca uno dei tre posti con Dawidowicz, Gunter, Magnani, Lovato e Ceccherini. 

QUI INTER - «Il Verona? Già dallo scorso anno stanno facendo grandi cose, Juric sta facendo un ottimo lavoro, a lui vanno solo complimenti. Sarà una partita difficile, hanno sempre creato problemi alle grandi. Noi dovremo essere bravi, attenti e determinati, perché sappiamo a cosa andiamo incontro. 
Abbiamo giocato domenica, perciò ieri chi era sceso in campo contro lo Spezia ha svolto un lavoro di recupero. Il match con l'Hellas lo prepariamo oggi, poi ci sarà qualche giorno di vacanza. Di sicuro a Verona cercheremo di mettere tutta l'energia possibile per ottenere un buon risultato». 
Gli infortunati Vecino, Pinamonti e Sanchez non saranno a disposizione di Conte, che recupera invece Vidal il quale si gioca con sensi un posto a centrocampo insieme a Barella e uno tra Gagliardini e Brozovic, con Hakimi e Young sulle fasce. In attacco Lukaku e Lautaro Martinez faranno gli straordinari, mentre in difesa dovrebbero partire Skriniar, De Vrij e Bastoni. 

ARBITRO - Pietro Giacomelli di Trieste. 

1835457_Hellas_Verona-21835459_FC_Internazionale-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Covid-19, un grafico divide l'Italia in province: Verona indicata come "zona rossa"

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento