Hellas Verona - Benevento 0-3 | I gialloblu cadono sotto i colpi di Coda

La tripletta dell'attaccante ha affossato la formazione di Grosso e le sue aspirazioni di promozione diretta in Serie A, al termine di una partita che l'ha vista ancora una volta sciupare la mole di gioco prodotta

Ryder Matos - Foto d'archivio

La trentaquattresima giornata di Serie B si è aperta con la sconfitta casalinga dell'Hellas Verona, superato allo stadio Bentegodi dal Benevento con una tripletta di Coda. 

La partita è iniziata con entrambe le squadre piuttosto aggressive nei primi minuti, soprattutto in fase di non possesso. I padroni di casa hanno provato allora a prendere in mano il pallino del gioco fin da subito, cercando di sfruttare l'ampiezza del campo con cambi di gioco all'indirizzo soprattutto du Matos, per sfruttare il suo uno contro uno. I giallorossi di Bucchi però hanno coperto bene gli spazi e, complice anche l'imprecisione degli avversari negli ultimi 20 metri, sono riusciti a cavarsela con qualche situazione pericolosa, mentre Montipò è rimasto sostanzialmente a guardare. Chi è stato chiamato all'intervento invece è Silvestri, costretto a respingere al 13' il tentativo di Armenteros, solo in area, e venendo graziato dal tap in errato di Ricci. 
Il Verona dal canto suo ha cercato di dare ritmo al proprio palleggio, riuscendo spesso a tenere nella propria metà campo i campani: gli scambi in velocità dei gialloblu però difficilmente si sono tramutati in vere e proprie occasioni, almeno nei primi 45 minuti, mentre Nasca ha sorvolato su un paio di episodi dubbi in area e il Benevento provava a pungere in ripartenza, creando grattacapi all'estremo difensore scaligero e al reparto difensivo. La prima vera occasione gialloblu è arrivata al 39' con il difficile colpo di testa in tuffo di Pazzini, che non ha trovato il bersaglio. Così al 45' è arrivato il vantaggio ospite, con Armenteros che ha tentato un aggancio su un lancio a scavalcare al limite dell'area, il quale si è trasformato in un assist per Coda, che ha fulminato Silvestri, un attimo prima della fine della frazione. 

Buona la partenza dei padroni di casa nella ripresa, con subito una situazione pericolosa creata in area ospite, ma la seconda doccia gelata era dietro l'angolo. Servito dalla sponda di Armenteros, Coda, in evidente fuorigioco non ravvisato dal guardalinee, si è trovato a tu per tu con il portiere gialloblu, costretto per la seconda volta ad abdicare. 
Scosso dal secondo colpo ricevuto, l'Hellas ha cercato di reagire immediatamente, rischiando di lasciare anche qualche spazio di troppo agli avversari, ben chiusi ma pronti a ripartire. L'undici di Grosso allora ha provato a premere sull'acceleratore, creando delle ottime occasioni per rimettersi in carreggiata, senza però riuscire a sfruttarle: prima Pazzini, poi Vitale, Faraoni e Bianchetti non sono riusciti a gonfiare la rete, mentre il cronometro scandiva, inesorabile, il passare del tempo. Incapaci per buona parte della seconda frazione di uscire dalla propria metà campo, gli uomini di Bucchi hanno serrato i ranghi in attesa di colpire, venendo graziati dall'imprecisione dei gialloblu al momento decisivo. 
Così nel finale, dopo un paio di opportunità capitate a Tello, Dawidowicz ha steso in area Bonaiuto e Nasca stavolta ha indicato il dischetto, dal quale Coda ha messo la parola fine alla partita. 

Al di là dei gravi errori della terna arbitrale, soprattutto sul secondo gol del Benevento, l'Hellas Verona deve recriminare soprattutto con sé stesso e con la sua incapacità di trasformare la mole di gioco prodotta. Il fraseggio della formazione di Grosso è stato molto buono soprattutto nella prima frazione, ma prima le difficoltà ad arrivare al tiro e poi l'imprecisione sotto porta, hanno deciso in favore del Benevento una partita che forse i gialloblu avrebbero almeno meritato di pareggiare. A condizionare inoltre il risultato, ci ha pensato anche una fase difensiva non ancora ottimale, che vede gli scaligeri soffrire ogni volta che vengono attaccati. 
Con la promozione diretta oramai definitivamente sfumata, i gialloblu devono guardarsi le spalle per non uscire anche dalla zona play off, mentre sabato sono attesi da un altro scontro diretto, quello contro il Pescara.

La cronaca e il tabellino

PRIMO TEMPO - Partenza aggressiva degli ospiti, ma il tiro di Viola è completamente fuori misura al 1'. Il Verona però si fa sotto e cerca di dare ritmo al palleggio. Match molto equilibrato dopo 10 minuti. La prima vera occasione è per il Benevento: al 13' Armenteros viene servito in area dopo un rimpallo, il suo piatto viene respinto da Silvestri, poi Ricci fallisce clamorosamente il tap in. Il Verona cerca di allargare ma fatica a concludere, mentre il Benevento cerca più il lancio lungo nella prima fase. Al 20' Matos non riesce ad agganciare in acrobazia un invitante servizio di Zaccagni. L'Hellas prova ad alzare il ritmo, ma il tiro di Lee al 23' viene respinto dalla difesa. Episodio dubbio in area al 26': Lee cade dopo un contatto con Ricci, ma Nasca lascia correre. Del Pinto al 27' abbozza un colpo di tacco improvvisato, sul traversone arretrato di Coda. Altro contatto dubbio in area campana alla mezzora: stavolta Nasca fischia il presunto fallo di Pazzini su Antei. Al 33' Ricci rientra sulla destra e prova il sinistro, che termina di poco alto sulla traversa. Dawidowicz al 35' chiude su Coda lanciato in contropiede. Tiro alto dal limite di Danzi al 38'. Pazzini ci prova di testa in tuffo al 39' servito da Danzi, ma non riesce ad inquadrare lo specchio e sfuma una buona occasione. Lee tira da fuori al 41', ma la conclusione è larga. Zaccagni calcio improvvisamente in porta al 45', ma neppure lui riesce ad inquadrare lo specchio. Allo scadere,su un lancio a scavalcare in profondità per Armenteros (in posizione dubbia) diventa un assist per Coda dopo lo stop sbagliato del compagno, che fulmina Silvestri. 

SECONDO TEMPO - Il Verona crea subito un pericolo in area avversaria, ma al 47' la sponda di Armenteros trova Coda, in netto fuorigioco non segnalato, che batte per la seconda volta Silvestri. Zaccagni al 50' penetra in area e serve Pazzini, che di destro manda fuori e sciupa. Al 53' la punizione di Vitale da solo l'illusione del gol ai tifosi. L'Hellas prova a reagire dopo il pesante doppio colpo. Silvestri respinge il tiro di Viola al 56'. Faraoni al 58' si libera e calcia dal limite, ma senza fortuna. Montipò al 61' dice di no in tuffo all'incornata di Bianchetti. Conclusione alta di Zaccagni al 64': i padroni di casa provano a pressare gli avversari. Bella azione dei gialloblu al 73', con Zaccagni che spreca l'assist di Bianchetti da posizione invitante. Il Verona continua a provare e a sciupare tante buone occasioni. Deviato in corner dalla difesa il tiro di Henderson a botta sicura al 78'. Di Gaudio ci prova da posizione impossibile all'80' e Montipò para. Tello alle stelle all'81', dopo l'appoggio di Armenteros. Gli scaligeri continuano a cercare con poca fortuna la via del gol. Silvestri all'87' respinge in corner la conclusione di Tello dopo un'incursione. Ultimi assalti gialloblu nel finale. Maggio al 91' chude al momento opportuno su Di Gaudio. Laribi non arriva per un soffio sull'assist di Di Gaudio al 92'. Dawidowicz al 93' stende Bonaiuto in area, stavolta Nasca fischia e Coda non sbaglia il rigore. 

HELLAS VERONA - BENEVENTO 0-3

MARCATORI: Coda (B) al 45', al 47' s.t. e al 95' su rig. 

HELLAS VERONA: Silvestri, Bianchetti, Dawidowicz, Marrone, Vitale, Faraoni, Danzi, Zaccagni (dal 77' Henderson), Matos (dal 62' Di Gaudio), Pazzini, Lee (dal 70' Laribi).
A DISPOSIZIONE: Berardi, Ferrari, Munari, Di Carmine, Colombatto, Balkovec, Crescenzi, Tupta, Almici. ALLENATORE: Carretta.

BENEVENTO: Montipò, Del Pinto (dal 56' Tello), Antei, Coda, Viola, Maggio, Improta (dal 46' Letizia), Bandinelli (dal 70' Buonaiuto), Ricci, Armenteros, Caldirola.
A DISPOSIZIONE: Gori, Di Chiara, Volta, Costa, Gyamfi, Insigne, Goddard, Crisetig, Vokic. ALLENATORE: Bucchi.

ARBITRO: Luigi Nasca di Bari.

AMMONITI: Danzi, Del Pinto, Pazzini, Ricci

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento