rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Sport

Hellas, l'allungo sfuma al novantesimo minuto

I giallobl hanno buttato al vento un'opportunit d'oro per il primato solitario

Poteva essere ma non è stato. Questo il commento dei tifosi dopo il pareggio che ieri l’Hellas ha rimediato contro la Spal. Poteva essere il nuovo allungo in classifica, visto che il Portogruaro si è fatto fermare in casa sul segno “ics” dal Foggia. Poteva essere la partita della svolta, quella vittoria che, con il nuovo solitario primato in classifica, avrebbe portato quel morale e quei punti che tanto servono adesso agli uomini di mister Remondina.

Invece non è stato, ancora una volta. L’Hellas si è fatto riprendere al novantesimo, ingenuamente, ha una Spal che ha fatto "il compitino". Lo ha ammesso anche lo stesso allenatore gialloblù al termine della gara: “Se fossimo stati più furbi adesso si parlerebbe di un’altra partita”. Ma non solo, aggiungiamo noi, si parlerebbe anche di un altro campionato.

L’Hellas, comunque, è apparso ancora in crescita, lo si era visto già nel pareggio della settimana scorsa col Pescara e lo si è visto anche a Ferrara. La squadra è sì più viva, ma è ancora un malato in convalescenza. Serve di più, ancora di più, se si vuole portare a casa questa benedetta Serie B evitando lo spauracchio dei play off.

La settimana prossima al Bentegodi arriva il Taranto, per un’altra, l’ennesima, partita che l’Hellas non può sbagliare. Anche perché questa settimana il Foggia le ha fatto un regalo grande come una casa, ma non può essere sempre così. I gialloblù devono sbloccarsi e mister Remondina deve lavorare, oltre che sulla forma, soprattutto sul piano caratteriale, facendo ritrovare a i suoi quella fiducia in loro stessi che sembra smarrita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hellas, l'allungo sfuma al novantesimo minuto

VeronaSera è in caricamento