L'Hellas sistema anche la difesa. Nicolas: "Il sogno è arrivare in A col Verona"

Nelle ultime 3 partite la porta dei gialloblu è rimasta inviolata, questo anche per merito del portiere che vuole la promozione con gli scaligeri: "È sempre stato ciò che desideravo"

Primi in classifica con cinque punti di vanraggio su Entella e Cittadella, miglior attacco della Serie B e una difesa che da tre partite non prende gol. Sono numeri impressionanti quelli messi insieme dall'Hellas Verona in questo inizio di campionato, guidati da un Pazzini capocannoniere rimasto a secco nelle ultime due partite ma comunque leader di questa squadra. Lo stesso Pecchia ha sottolineato l'importanza del suo lavoro nel post partita di domenica. 

La vittoria? Difficile scardinare la difesa del Trapani, la prima occasione l'hanno avuta loro, ma poi ci siamo rimessi in ordine e abbiamo meritato. Sono contento della crescita dei miei. Pazzini? Non ha segnato ma ha lavorato tanto per la squadra. Sono contento anche per Siligardi e soprattutto per quelli che sono subentrati. Bene le tre partite in una settimana, adesso c'è un giorno di riposo e poi iniziamo subito a preparare la gara contro Spezia, una sfida dura e complicata. Episodio di fine gara tra Romulo e Pisano? Reazione che ci può stare alla fine di una gara tirata, bello vederli subito dopo abbracciati insieme al resto della squadra. Difesa? Nicolas è nostro e siamo felicissimi così. Ha fatto bene in due occasioni. Sono contento di ciò che abbiamo fatto in mezzo al campo, poi è normale che chi viene qui a giocare cerchi di difendersi e ripartire, noi dobbiamo avere pazienza e far girare la palla. Serie B? Dobbiamo solo pensare alla prossima partita e prendere spunti da ogni gara per crescere. È un campionato duro, come dimostra l'Ascoli: ha perso con noi per poi fare risultati importanti in trasferta.

Contento per la prestazione sua e dei suoi compagni anche lo stesso Nicolas, che attualmente difende la terza porta meno violata di tutta la Serie B, con 9 reti incassate finora. 

Porta inviolata da tre giornate? Sono contento, è importante perché ci dà fiducia. Il merito non è solo mio, va diviso con i compagni. Col Trapani è stata una partita difficile, loro sono una squadra insidiosa, li conosco bene. Per me è stata una gara particolare, giocavo contro la mia ex squadra, dopo un po' di nervosismo iniziale però le cose sono andate meglio. Loro chiusi in difesa? Gli avversari stanno cominciando a conoscere il nostro gioco e si regolano di conseguenza, noi dovremo fare sempre meglio per andare avanti. I gol? Abbiamo tanti calciatori che possono segnare, per noi fa poca differenza chi segna, l'importante è che vinca la squadra. Il rosso a Bianchetti? Queste cose possono succedere in partita, ma sono sicuro che chi lo sostituirà si farà trovare pronto. Il mio sogno? Arrivare in Serie A con il Verona. È sempre stato ciò che desideravo, quando in ritiro mi hanno detto che sarei stato il portiere titolare sono stato molto contento. Coppola? Mi dà spesso consigli, è un bene avere un calciatore della sua esperienza. Ora testa allo Spezia, non sarà per niente facile. Anche oggi era importante vincere. 

Felice per la vittoria e per la splendida rete realizzata, utile a mettere la parola fine sul match, Valoti mette già nel mirino lo Spezia, prossimo avversario in campionato. 

Il mio gol? Dedicato alla mia ragazza e alla mia famiglia. Nel calcio non si può mai sapere finché non è finita, è stato bello chiudere così questa gara. Un'altra vittoria importante del gruppo e della squadra. Oggi volevamo allungare sulle inseguitrici e ce l'abbiamo fatta. La nostra forza? Il gruppo, dobbiamo considerarci tutti importanti. Il mio gol è arrivato grazie ad un bel movimento di Pazzini e del cross di Luppi. È il mio secondo centro qui al Bentegodi, sotto la curva, sono felice di aver dato questa gioia ai tifosi. Il Verona? Ora sono qui per dimostrare il mio valore, cerco di farmi trovare pronto quando il mister mi vorrà mettere in campo. Ho sempre voluto rimanere in questa squadra e ora che sono riuscito a guadagnare il mio spazio devo tenermelo stretto. Lo Spezia? Siamo pronti, dobbiamo continuare così sempre concentrati. Fuori casa la Serie B è un campionato ancora più difficile, dovremo essere bravi a saper soffrire, fare gol e cercare di non prenderne. Romulo e Pisano? Si sono chiariti subito, uscendo dal campo abbracciati. Queste sono cose che possono succedere giocando, l'importante è chiarirsi. 

Martedì i gialoblu riprenderanno gli allenamenti all'antistadio Guido Tavellin, con porte aperte, per iniziare la preparazione verso la sfida del 5 novembre che si giocherà allo stadio Picchio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento