menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Hellas Verona ritrova la vetta della classifica ma perde Zuculini fino al 2017

La vittoria contro l'Entella ha riportato primato e serenità al club della diga, ma Pecchia non avrà a disposizione il centrocampista argentino per altre quattro settimane, a causa di un altro infortunio muscolare

È una vittoria fondamentale quella che l'Hellas Verona ha conquistato lunedì sera contro la Virtus Entella, sia perché ha permesso ai gialloblu di riportarsi subito in vetta alla classifica, sia perché ha contribuito ad allontanare le preoccupazioni dalla mente di tifosi e addetti ai lavori. Il match del Bentegodi ha restituito un Hellas pimpante per almeno 45 minuti: non si può quindi parlare di completa guarigione, ma di una squadra che sta reagendo ad un periodo piuttosto difficile.
Al termine della partita, Fabio Pecchia ha mostrato una certa soddisfazione per il risultato, mettendo sempre in guardia i suoi dal pensare di aver già vinto il campionato.

Abbiamo fatto un gran primo tempo, creando quattro o cinque nitide palle gol. Oggi il campo era pesante, difficile giocare sullo stesso terreno a 24 ore di distanza dal Chievo, quindi faccio i complimenti ai miei perché oggi era importante vincere. Nel secondo tempo abbiamo creato meno e rischiato di più, ma sono contento per Pisano che è sempre bravo sulle palle inattive e in questa stagione finora un po' ci è mancato. All'inizio del secondo tempo abbiamo perso un po' le distanze, ma c'è stata una grandissima reazione. Complimenti sia a Ganz che a Juanito, che sono entrati bene nella gara. Voglio un gruppo che sappia cambiare pelle senza perdere la voglia di giocare al calcio. Pazzini? È l'anima della squadra, dà l'esempio, deve continuare su questa strada. Non capisco perché molti pensano che il Verona debba vincere il campionato a dicembre con 20 punti sulla seconda, sono tre le squadre retrocesse che si sono allestite per risalire, così come hanno fatto Spezia, Bari ed altre. Questo non ci aiuta, il Verona è una squadra di Serie B, è una trappola nella quale non dobbiamo cadere. Carpi? Abbiamo bisogno di recuperare energie e di continuare a lavorare. È una gara importante, contro una squadra forte.

Autore del gol che ha deciso la gara, Eros Pisano elogia la squadra per la determinazione e la voglia messe in campo, pensando sempre alla sfida della vigilia di Natale. 

Quella di stasera è stata una partita difficile e combattuta, giocata con tanto spirito di sacrificio. Il mio gol è frutto del lavoro di tutta la squadra e non è stata per nulla una vittoria semplice. Non abbiamo mai mollato, siamo rimasti concentrati sulla partita e ci abbiamo sempre creduto, siamo stati bravi a rimanere compatti e a difenderci per portare a casa i tre punti. Siamo stati bravi a non mollare mai, oggi avevamo un obiettivo che era vincere e abbiamo combattuto tutti insieme. Ora la testa è al Carpi, dobbiamo lottare con umiltà.

Felice della reazione della squadra, ma un po' del sua prestazione, Fossati non cerca alibi e mette nel mirino il Carpi. 

Con l'Entella la definirei una vittoria da grande squadra, abbiamo dimostrato di essere un gruppo forte. Oggi non era facile, era una sfida pesante anche dal punto di vista mentale, perché venivamo da alcune sconfitte. Quindi è una vittoria importante di un gruppo che ha lavorato bene e che ha raccolto finalmente i risultati, una prova di carattere e sacrificio da parte di tutti. La mia prestazione? Non sono soddisfatto dal punto di vista tecnico, oggi serviva altro, come cattiveria e lavoro di squadra. Col tempo torneranno bel gioco e prestazioni, oggi contava solo il risultato, ma sappiamo che possiamo fare meglio di così. Ad ogni modo, il campo era in pessime condizioni e non ci ha aiutato, ma non deve essere un alibi: dobbiamo prendere quello che di buono abbiamo fatto, che è la vittoria, e andare avanti. Mentalmente siamo sempre stati sereni, il lavoro testimoniava valore ed identità. Carpi? Prepareremo la partita e cercheremo di colpirli nei loro punti deboli. Bessa? Ha personalità, averlo vicino è un valore aggiunto. 

Brutte notizie arrivano intanto dall'infermiera. La società infatti ha comunicato che "Franco Zuculini è stato sottoposto ad esami diagnostici presso l'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona (Ospedale di Borgo Trento), che hanno evidenziato una lesione di primo grado alla giunzione muscolo-tendinea distale del bicipite femorale sinistro (zona diversa rispetto a quella colpita il 5 novembre durante Spezia-Hellas Verona). Il calciatore ha già iniziato la fase riabilitativa ed i tempi di recupero sono stimati in circa 4 settimane". 
Il centrocampista quindi non sarà a disposizione fino al 2017, mentre i giocatori scesi in campo contro l'Entella martedì hanno svolto lavoro defaticante sul campo. Chi non ha giocato invece ha effettuato riscaldamento, possesso palla, lavoro atletico e partitella.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento