menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dopo il Catania, occhi puntati sul Chievo

Dopo il Catania, occhi puntati sul Chievo

Dopo il Catania, occhi puntati sul Chievo

A Udine per spazzare via le voci di combine e chiudere la pratica salvezza

Turno infrasettimanale carico di numerosi spunti di riflessione quello che la Serie A gioca questa sera. In casa Chievo, soprattutto, sono chiamati a spazzare le voci di combine ventilate dopo il pareggio di domenica scorsa contro il Catania. Avversario degli scaligeri sarà l’Udinese di Marino, che cerca in casa punti preziosi per la salvezza.

Per i bianconeri si tratta di un primo jolly tra le mura amiche, al quale seguiranno le sfide contro Bologna, Siena e Bari. È qui, infatti, che i friulani si giocheranno una buona fetta della loro permanenza nella massima categoria del calcio azzurro.

Come abbiamo detto, il Chievo di Di Carlo, dopo le polemiche nate dopo la gara col Catania, arriva al Friuli sicuramente affamato, anche se i problemi non mancano. Il tecnico degli scaligeri pensa di schierare i suoi col 4-3-1-2, con Pinzi a fare da cerniera tra attacco e centrocampo. In difesa Mantovani, Yepes, Mandelli e Frey sono il quartetto base. In mediana Ariatti, Rigoni e Luciano. Davanti, a fare coppia con Sergio Pellissier, dovrebbe esserci Granoche.

L’obiettivo dei clivensi è tornare a convincere anche perché in trasferta si rende meglio rispetto che al Bentegodi. Il problema maggiore adesso è quello del gol, che fuori dalle mura amiche manca da un mese esatto. Ma è l’attacco in generale che sta perdendo colpi con sole 7 reti segnate in questo 2010. Insomma non mancano i problemi, ma c’è la consapevolezza che la salvezza è davvero a un passo. A Udine potrebbe bastare anche un pari, ma Di Carlo sa che non può permettersi di fare questi calcoli.

 
Diversamente il tecnico dell’Udinese Marino deve cercare di far ripartire i suoi. Con una difesa che fa acqua da tutte le parti, i bianconeri non possono pensare di riuscire sempre ad aggiustare le partite grazie ai gol di Totò Di Natale. I correttivi tattici a questo punto della stagione appaiono tardivi, ma è compito del tecnico evitare lo sbilanciamento che c’è tra fase difensiva e quella offensiva. La classifica attuale del resto rispecchia questi problemi, che sommati ad altri non possono far stare tranquilli i tifosi friulani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento