Domenica, 16 Maggio 2021
Sport

Cremonese - Hellas Verona 1-1 | Grosso inchiodato sul pareggio allo Zini

I gialloblu non riescono ad andare oltre l'1-1 contro la formazione di Rastelli, passata in vantaggio con Mogos e raggiunta dal calcio di rigore di Di Carmine. Troppi errori negli ultimi metri, non hanno permesso di concretizzare il possesso palla

Fabio Grosso

 Nell'anticipo della trentesima giornata di Serie B, l'Hellas Verona è stato fermato sul pareggio dalla Cremonese allo stadio Zini

Il debole colpo di testa di Carretta, arrivato dopo neppure un minuto, ha subito messo in guardia i gialloblu dalle intenzioni dei padroni di casa, che hanno messo in campo corsa ed aggressività per rallentare la manovra degli ospiti. Partito non fortissimo, l’undici di Grosso ha piano piano iniziato a macinare, facendo girare la sfera alla ricerca del giusto varco, tentando spesso il taglio alle spalle del difensore, piuttosto che sfruttare le fasce. Numerosi però gli errori sull’ultimo tocco, che hanno impedito agli scaligeri di portare un numero maggiore di pericoli alla porta di Agazzi.
La squadra di Rastelli invece ha tenuto meno la palla tra i piedi, ma ha cercato con la propria determinazione ha mettere in difficoltà la retroguardia ospite, un po' troppo leggera allo Zini, venendo premiata con il Mogos. Ma l'Hellas ha subito tirato fuori il carattere e offerto una buona reazione, che ha visto Laribi andare al tiro dentro l'area, trovando l'opposizione di Agazzi, e successivamente Zaccagni guadagnarsi il calcio di rigore con un'incursione centrale. Sul dischetto è andato poi lo stesso Di Carmine, che non si è fatto pregare per insaccare. 
A quel punto i gialloblu sono sembrati avere in mano l'inerzia della partita, riuscendo quasi sempre a disimpegnarsi bene in fase di uscita, ma continuando a peccare di precisione negli ultimi metri. Dopo qualche buon break però, nel finale la Cremonese è riuscita a spingere e ad allontanare gli avversari (apparsi un po' disuniti) dalla propria area, sfiorando nel finale il nuovo vantaggio con Carretta. 

L'inizio di secondo tempo è stato di marca grigiorossa, con gli ospiti apparsi un po' impacciati e in attesa di mettersi effettivamente in moto. Il possesso palla dell'Hellas è apparso fin da subito meno efficacie rispetto alla prima frazione, mantenendo quell'imprecisione negli ultimi metri che ne ha condizionato la pericolosità già nei primi 45 minuti. I ritmi sono quindi tornati a buoni livelli dopo circa un quarto d'ora, con le due formazioni che si sono annullate a vicenda per gran parte della gara. La fase difensiva della Cremonese infatti è riuscita ad inibire l'imprevedibilità degli avversari, che anche quando sono riusciti a scambiare bene in prossimità della porta, hanno poi fallito il tocco decisivo. Gli scaligeri dal canto loro, sono riusciti a difendersi con qualche affanno quando attaccati, rischiando molto solo un tiro di Carretta, mentre dall'altra parte la migliore occasione è stato il colpo di testa di Pazzini. 

L'Hellas Verona non è riuscito a mettere sotto un avversario alla portata, ma che con la corsa e l'aggressività ha potuto ridurre il gap tecnico, sfruttando la poca brillantezza degli scaligeri. La squadra di Grosso ha incontrato numerose difficoltà nel rendersi pericolosa dalle parti di Agazzi, sbagliando spesso l'ultimo passaggio utile a mettere il proprio giocatore davanti al portiere. In generale tutto il centrocampo è apparso un po' sottotono, mentre davanti Laribi e Di Gaudio si sono dati un gran daffare, peccando però nei momenti decisivi. 
Incerta è apparsa anche la difesa, che in qualche occasione ha fatto tremare il tecnico con le sue distrazioni. 
Il pareggio sembra quindi il risultato più corretto, nonostante l'impressione che tra le fila scaligere le cose non siano girate come dovevano. Grosso ora ha poco tempo per raddrizzare la nave: martedì sera infatti andrà in scena al Bentegodi il big match con il Brescia.  

La cronaca e il tabellino

PRIMO TEMPO - I padroni di casa muovono il primo pallone. Debole colpo di testa di Carretta al 1'. Il Verona prova a prendere in mano il gioco e a tessere la sua tela. Un po' troppo lungo, al 5', il suggerimento di Laribi per Di Gaudio. Cremonese cerca di non far giocare gli avversari portando una buona pressione. Buona combinazione Di Gaudio-Vitale al 12', ma la difesa allontana il buon servizio dell'ala sul secondo palo. Al 13' il cross di Migliore attraversa tutta l'area e arriva a Mogos, che è libero di insaccare. L'Hellas prova a reagire, ma il tiro Laribi viene messo in corner da Agazzi. Al 16' Zaccagni penetra in area sulla sponda di Di Carmine e viene atterrato da Terranova: rigore. Sul dischetto va Di Carmine che non sbaglia. Il Verona cerca di far valere il proprio tasso tecnico, cercando varchi con il palleggio. Agazzi al 27' è costretto ad una temeraria uscita, ma riesce ad anticipare Faraoni. Uscita provvidenziale di Silvestri su Carretta al 33', lanciato dalle retrovie. Momento favorevole ai padroni di casa poco dopo la mezzora. Castagnetti calcia alle stelle dal limite al 38'. Match sempre piacevole. Esce di pochissimo il colpo di testa di Carretta al 42'. 

SECONDO TEMPO - Cremonese subito aggressiva, ma Claiton è poi costretto a spendere il cartellino per arrestare il contropiede. Ingenuità difensiva dei gialloblu al 49', Carretta ne approfitta per fare da torre a Soddimo, che calcia fuori e spreca. Il Verona fa più fatica ad attaccare in questo inizio di ripresa. Il buon momento dei padroni di casa prosegue, ma il colpo di testa di Strizzolo al 57' è completamente fuori bersaglio. Un minuto dopo invece è centrale il tiro di Terranova. Match combattuto in questa fase, ma le die squadre faticano a costruire veri pericoli. L'Hellas prova ad accelerare, ma i padroni di casa non mollano il colpo e provano a replicare. Fuori di poco il tiro di Carretta al 74', che aveva messo nel mirino il palo lontano. Troppo imprecisi i gialloblu nell'ultimo passaggio: così non riescono a concretizzare la mole del possesso palla. Grosso nel finale si gioca la carta Pazzini, che all'84' incorna il cross di Faraoni sfiorando il vantaggio. Dawidowicz all'85' anticipa Silvestri e mette in corner, sfiorando l'autogol. 

CREMONESE - HELLAS VERONA 1-1

MARCATORI: Mogos (C) al 13', Di Carmine su rig (HV) al 17'

CREMONESE: Agazzi, Claiton, Arini, Strizzolo (dal 68' Montalto), Mogos, Soddimo (dal 58' Croce), Migliore, Castagnetti, Caracciolo, Terranova, Carretta (dal 90' Piccolo).
A DISPOSIZIONE: Ravaglia, Volpe, Rondanini, Castrovilli, Del Fabro, Emmers, Renzetti, Boultam, Mbaye. ALLENATORE: Rastelli.

HELLAS VERONA: Silvestri, Bianchetti, Empereur, Dawidowicz, Vitale, Faraoni, Gustafson, Zaccagni (dal 63' Danzi), Laribi (dal 75' Henderson), Di Carmine, Di Gaudio (dall'84' Pazzini).
A DISPOSIZIONE: Berardi, Ferrari, Munari, Traoré, Colombatto, Balkovec, Tupta, Almici. ALLENATORE: Grosso.

ARBITRO: Livio Marinelli di Tivoli. 

AMMONITI: Strizzolo, Empereur, Claiton, Carretta, Castagnetti, Faraoni

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cremonese - Hellas Verona 1-1 | Grosso inchiodato sul pareggio allo Zini

VeronaSera è in caricamento