Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zaccagni e il coronavirus: «All'inizio mi ha spaventato, ma ora sto bene»

L'unico giocatore gialloblu positivo al test del Covid-19 si è raccontato ad Hellas Verona Channel: «Ho ricevuto molti messaggi di sostegno. Ringrazio tutti per l'affetto»

Ufficialmente, tra i calciatori dell'Hellas Verona, lui è stato l'unico positivo al test del coronavirus. Mattia Zaccagni ha scoperto a metà marzo di essere stato contagiato e come il resto della squadra è rimasto in isolamento a casa. Ieri, 1 aprile, Hellas Verona Channel ha pubblicato la quarta puntata della rubrica «Distanti ma... comunicanti» ed il protagonista è stato proprio Zaccagni, il quale ha confermato che le sue condizioni di salute sono buone e a livello emotivo il 24enne gialloblu non vede l'ora di tornare in campo per regalare emozioni ai tifosi, quando questa emergenza sarà finita.

La positività al coronavirus, inizialmente, mi ha spaventato - ha rivelato Zaccagni - Ho avuto dei sintomi per due o tre notti, come qualche linea di febbre e un dolore forte e fastidioso alla gambe. Ma adesso sto molto bene.
Ho ricevuto molti messaggi di sostegno. Non sono riuscito purtroppo a rispondere a tutti, ma li ringrazio tutti perché mi hanno fatto sentire il loro affetto.

Superato lo spavento, Mattia Zaccagni è tornato ad allenarsi come i suoi compagni e quindi a casa. L'atleta ha una serie di attrezzi da palestra in casa e segue giornalmente il programma che lo staff gialloblu gli invia. Oltre agli esercizi, le giornate di Zaccagni procedono un po' monotone, tra tv, videochiamate, playstation e cucina. «Ai fornelli me la cavo, ma non sono un genio e spesso la cena la ordino - ha confessato il numero 20 dell'Hellas Verona - Di romagnolo faccio la piadina, ogni tanto le tagliatelle, ma niente di eclatante».

Della sua stagione, Zaccagni ha ricordato i gol segnati a Genoa e Samp, ma anche gli assist che hanno permesso ai compagni di segnare. «La vittoria con la Juve è una di quelle partite che porterò sempre nel cuore - ha aggiunto - Ora non si sa cosa sarà del campionato, ma per ora la mia stagione è stata positiva».

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Zaccagni e il coronavirus: «All'inizio mi ha spaventato, ma ora sto bene»

VeronaSera è in caricamento