Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Sport Centro storico / Piazza Brà

Il Comune salva la Marmi Lanza dal crac: giocherà ancora in Serie A

La domanda di ammissione al massimo campionato è stata presentata grazie al contributo di palazzo Barbreiri: le grane erano arrivate dagli sponsor che non pagavano quanto dovuto. Il buco aperto era di 500mila euro

La società BluVolley Verona ha regolarmente depositato ieri, giovedì 13 giungo, negli uffici della Lega Pallavolo, la domanda di ammissione al campionato maschile 2013-2014 di A1. La consegna delle pratiche è stata possibile grazie al contributo del Comune che ha permesso di presentare il bilancio della società in linea con quanto previsto per l’ammissione al campionato. La notizia è stata data oggi a Palazzo Barbieri dal vicesindaco e presidente onorario della BluVolley Verona, Vito Giacino, insieme all’assessore allo Sport, Marco Giorlo.

BLUVOLLEY SULL'ORLO DEL FALLIMENTO: SALTA IL CAMPIONATO IN A

“Nonostante la difficile situazione economica pesi anche sulle casse del Comune – afferma Giacino – era doveroso da parte dell’amministrazione sostenere la squadra di pallavolo cittadina e contribuire alla sua permanenza in serie A1”. “La Marmi Lanza – aggiunge Giorlo – è l’unica squadra veneta di volley nella massima categoria nazionale. L’auspicio è che, messi da parte gli insuccessi e le difficoltà della stagione passata, la nuova formazione sappia affrontare con entusiasmo e voglia di riscossa il prossimo campionato, dimostrando di essere l’eccellenza sportiva che tutti conosciamo”.

IL CASOMarmi lanza pallavolo sull'orlo del fallimento, salta il campionato serie A
IL CASO DEL BILANCIO - Le grane per la Marmi Lanza erano arrivate ancora dal reparto finanziario, che appariva sempre più un disastro. Il buco aperto era diventato una voragine e servivano 500mila euro da uno sponsor solido. L'allarme era stato lanciato un mese fa: come la scadenza per l'iscrizione al nuovo campionato si stava avvicinando e nessun progresso era stato fatto. I soldi servivano anche a pagare stipendi dei giocatori. Il motivo che stava alla base del dissesto è lo stesso che attanaglia ormai da anni le imprese venete: ritardi di pagamenti. In questo caso, come in molti altri, è l'impresa sportiva ad essere in ginocchio perché gli sponsor non avevano "sganciato" quanto dovuto. Mancavano cifre enormi, essenziali per una squadra di alto livello come la storica Marmi Lanza. Tuttavia 4-500mila euro sarebbero ancora in mano ai debitori.

 

Potrebbe interessarti: https://www.veronasera.it/sport/marmi-lanza-pallavolo-sull-orlo-del-fallimento-salta-il-campionato-serie-a.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/veronasera
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune salva la Marmi Lanza dal crac: giocherà ancora in Serie A

VeronaSera è in caricamento