Chievo Verona - Lecce 1-2 | Segna Falco nel recupero, clamorosa beffa al Bentegodi

Sfida combattuta nel primo tempo, meno vivace nel secondo. La decide Falco al 93°

Chievo Verona - Lecce

Il primo weekend calcistico orfano di Maradona ricomincia dal Bentegodi di Verona dove il "dio del calcio" fece il suo esordio in serie a con il Napoli. Minuto di silenzio anche per Chievo e Lecce, poi il via al match. Una sfida bella e combattuta per l'intera prima frazione di gioco, con entrambe le squadre ad affrontarsi senza remore. La prima occasione è arrivata al 5° con Obi che si è visto negare la rete da uno strepitoso intervento di Gabriel. La replica del Lecce non si è fatta attendere con un tiro dal limite da parte di Coda e Seculin che si è però fatto trovare pronto.

Gli squilli di tromba sono giunti intorno al 20° di gioco: la difesa del Chievo si è fatta una bella dormita, perdendo di vista proprio l'ingombrante ex di turno, quello Stepinski che non si è fatto pregare a spingere la palla in rete di testa, dopo essere stato lasciato solo in area a ricevere il traversone di Coda. Rete bella, esultanza rabbiosa e qualche sassolino nelle scarpe da togliersi per l'ex attaccante gialloblu.

Il vantaggio degli ospiti è però durato meno di sessanta secondi, perché a riportare il punteggio in parità ci ha pensato il solito Luca Garritano. Al 21° di gioco, Palmiero dalla trequarti è stato bravo a pescare con un pallonetto a centro area il compagno di squadra sul filo dell'offside: mezza girata al volo e rete splendida di Garritano. Prima della fine del tempo c'è stato spazio quindi per un'altra occasione degli ospiti, con Mancosu che da buona posizione in area clivense non ha però saputo trovare la porta. 

Il secondo tempo è iniziato con il Lecce a far la partita, trovando spunti prima con Coda e poi Adjapong, ma senza impensierire davvero l'impeccabile Seculin. Il Chievo dal canto suo non ha mai demeritato, restando sempre in gara e provando con Garritano dalla lunga distanza a scalfire nuovamente la porta difesa da Gabriel. Nonostante i dieci abbondanti minuti di forcing da parte dei padroni di casa che, a tratti, sono persino parsi in grado di mettere alle corde la formazione allenata da Corini, alla fine è giunta la beffa. Mister Aglietti ha deciso una serie di cambi per coprirsi, passando con una difesa a cinque e rinfoltendo il centrocampo, ma abbassando forse troppo il baricentro. È bastato uno scambio veloce (e fortunoso) al limite dell'area per aprire in due la difesa gialloblu: Falco, appena entrato, si è potuto così concedere il lusso di una conclusione da posizione centrale in mezzo all'area. Tiro angolato, imprendibile per Seculin. Vantaggio del Lecce, minuto 93°.

Al triplice fischio dell'arbitro il Chievo è restato a bocca asciutta, con il solito retrogusto amaro di chi ha accarezzato un'illusione e poi ha rovinato tutto. Ci sarà modo per rifarsi, a partire da sabato prossimo, il 5 dicembre, quando i gialloblu alle 14 affronteranno il Frosinone.

La diretta della partita

Primo tempo

  • 1° Al via la sfida tra Chievo e Lecce.
  • 5° Grande occasione per il Chievo: Mogos dalla destra crossa al centro, tiro al volo di Obi e miracolo di Gabriel che devia in corner.
  • 16° Coda dal limite ci prova con il mancino, ma Seculin blocca sicuro.
  • 17° Ancora Lecce: cross dalla sinistra e colpo di testa forte e preciso di Coda che però deve fare i conti sempre con Seculin che la devia in angolo.
  • 19° Gol dell'ex, segna Stepinski di testa sugli sviluppi di un traversone dalla fascia destra da parte di Coda. Difesa del Chievo da rivedere.
  • 21° Risponde subito il Chievo con Garritano: palla a centro area di Palmiero e Garritano fredda Gabriel. È pareggio.
  • 27° Adjapong dalla destra crossa al centro dell'area del Chievo e Mancosu si divora la palla del raddoppio Rischia ancora grosso la formazione di Aglietti.
  • 35° Squadre che si fronteggianno in mezzo al campo, ma ora latitano le occasioni.
  • 45° Un minuto di recupero concesso dall'arbitro.
  • 45°+1 Termina qui il prirmo tempo, squadre negli spogliatoi.

Secondo tempo

  • 45° Al via la seconda frazione.
  • 49° Ci prova Coda dal limite dell'area, palla deviata che finisce alta sopra traversa.
  • 53° Altra occasione per il Lecce con Adjapong che da posizione defilata sulla destra calcia alto.
  • 54° Cambio: dentro Zuta per Calderoni nel Lecce.
  • 62° Botta dalla lunga distanza di Garritano, para semplice Gabriel.
  • 73° Cambio nel Chievo: fuori Obi per Viviani e Djordjevic per Margiotta.
  • 80° Listkowski per Mancosu e Pettinari per Coda, altro doppio cambio nel Lecce.
  • 86° Fuori anche Fabbro nel Chievo per Bertagnoli.
  • 90° Sono 4 i minuti di recupero. Entra Rigione per Canotto nel Chievo e Zuelli per Palmiero, difesa clivense a cinque.
  • 92° Segna il Chievo conn Falco, tiro da appena dentro l'area dopo una bella triangolazione al limite: conclusione precisa che non lascia scampo a Seculin. Chievo beffato allo scadere.
  • 90°+4 Finisce qui la partita, vince il Lecce e il Chievo può solo recriminare per le proprie disattenzioni difensive.

Le formazioni ufficiali

Chievo (4-4-2): Seculin; Mogos, Leverbe, Gigliotti, Cotali; Garritano, Obi, Palmiero, Canotto; Fabbro, Djordjevic. 

Allenatore: Aglietti.

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Adjapong, Lucioni, Meccariello, Calderoni; Henderson, Tachtsidis, Paganini; Mancosu; Stepinski, Coda.

Allenatore: Corini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

Torna su
VeronaSera è in caricamento