rotate-mobile
Sport Chievo / Piazza Chievo

Chievo Verona - Frosinone 5-1 | Salvezza matematica da record per i clivensi

Per la prima volta i gialloblù vincono una partita di Serie A segnando 5 gol. Vantaggio del Frosinone con Ciofani, poi la goleada aperta da Floro Flores, poi Rigoni, Sardo e la doppietta di Pellissier

Gli sarebbe bastato un punto per poter festeggiare la matematica salvezza, ma il Chievo ha voluto strafare vincendo in rimonta una partita che dopo quindici minuti sembrava complicatissima. Alla fine il match si è trasformato in uno show dei record per la squadra gialloblù, che in Serie A non aveva mai vinto una partita segnando cinque gol.

Chievo-Frosinone si può dividere effettivamente in quello che è successo prima e dopo il quindicesimo minuto. Nel primo quarto d'ora il Frosinone è stato protagonista assoluto e dopo un paio di tentativi si è portato meritatamente in vantaggio grazie ai fratelli Ciofani. Il difensore Matteo ha imbeccato l'attaccante Daniel che di testa ha trovato l'angolo giusto alle spalle di Bizzarri. Un Chievo senza vigore deve fare presto a meno di Castro. Il centrocampista ha la peggio in un contrasto con Pavlovic, stringe i denti e continua a giocare, sfiora anche il gol del pareggio, ma al minuto 15 deve dare forfait e al suo posto entra Pinzi.

Il copione della partita cambia con l'espulsione di Ajeti, l'intervento in gioco pericoloso del difensore del Frosinone su Floro Flores a centrocampo viene sanzionato dall'arbitro come da regolamento. Nessuno sconto da parte di Carmine Russo, inflessibile per tutti i novanta minuti. Comincia così la cavalcata trionfale del Chievo che sfrutta cinicamente la superiorità numerica trovando il pareggio prima del 45'. A segnare è Floro Flores, e per lui è il primo gol con il Chievo. Un gol fortemente voluto dai locali, che erano andati più volte vicino al pareggio e da Floro Flores che si è visto respingere il suo primo tentativo di testa e poi ha potuto ribadire calciando la palla in rete.

Il secondo tempo è tutto gialloblù e inizia con il gol del vantaggio segnato da Pellissier su calcio di rigore. Ineccepibile la scelta del direttore di gara che vede Rigoni atterrato in area da Pavlovic. Dal dischetto l'attaccante del Chievo spiazza Leali. La partita si fa ancor più in discesa per i padroni di casa quando Chisbah stoppa un pallone con la mano. Puntigliosa la sanzione dell'arbitro che ammonisce il centrocampista del Frosinone per la seconda volta. La squadra ospite si trova in 9 contro 11 e sotto di un gol, e alza bandiera bianca. A dare spettacolo ci pensano però i giocatori del Chievo con due gol da cineteca: il primo è di Rigoni con un pallonetto da trenta metri, dopo aver recuperato l'ennesimo pallone; il secondo è di Sardo, che dopo una partita da protagonista assoluto, trova anche l'angolo giusto sopra la testa di Leali calciando al volo un pallone servito da Pepe. La partita sarebbe finita, se non fosse per la voglia di gol degli attaccanti gialloblù. Floro Flores e Pellissier vogliono una doppietta, ma solo Pellissier riesce nel suo intento, grazie ancora ad un assist di Pepe. Pellissier non deve fare altro che depositare il pallone in gol, raccogliendo un cross con cui il compagno di squadra ha scavalcato la retrogurdia del Frosinone.

A Rolando Maran non resta che decidere a chi concedere la standing ovation, se a Pellissier o a Sardo. Alla fine, sceglie Sardo che viene applaudito da tutto il Bentegodi per una partita che di sicuro gli resterà impressa nella memoria. Gli ultimi minuti sono solo una lunga attesa del fischio finale. Per Pellissier, l'appuntamento con il centesimo gol con la maglia del Chievo è solo rimandato e ci sono almeno altre quattro partite in questa stagione per segnarlo. Quattro partite che serviranno al Frosinone per continuare la sua lotta per non retrocedere partendo dall'attuale terzultimo posto in classifica. Chievo invece che sale a quota 48 punti, ottava in classifica insieme alla Lazio. Gli unici nei della partita sono gli infortuni di Castro ed Hetemaj, usciti dal campo doloranti. Se non ci fossero stati questi due imprevisti, sarebbe stata davvero una serata perfetta per il Chievo.

CHIEVO VERONA - FROSINONE 5-1

CHIEVO VERONA (4-3-3): 1 Bizzarri; 20 Sardo (83', 10 Ninkovic) 2 Spolli, 12 Cesar, 18 Gobbi; 56 Hetemaj (76', 36 Costa), 4 Rigoni, 19 Castro (15', 6 Pinzi); 7 Pepe, 31 Pellissier, 83 Floro Flores.

A disposizione: 98 Confente, 40 M'Poku, 45 Inglese, 10 Ninkovic, 90 Seculin, 5 Gamberini, 23 Birsa. Allenatore: Rolando Maran.

FROSINONE (4-3-3): 33 Leali; 13 M. Ciofani, 4 Russo, 93 Ajeti, 20 Pavlovic; 22 Chibsah, 8 Gucher, 7 Frara (21', 6 Blanchard); 17 Paganini (78', 28 Rosi), 9 D. Ciofani (64', 19 Tonev), 10 Soddimo.

A disposizione: 29 Carlini, 5 Gori, 12 Longo, 3 Crivello, 44 Pryima, 1 Zappino, 11 Kragl, 25 Bardi. Allenatore: Roberto Stellone. 

ARBITRO: Carmine Russo di Nola.

MARCATORI: 5' D. Ciofani, 36' Floro Flores, 47' Pellissier (rig), 58' Rigoni, 60' Sardo, 80' Pellissier.

AMMONITI: 14' M. Ciofani, 15' Sardo, 17' Leali, 30' Chisbah, 55' Pinzi, 63' Soddimo. ESPULSIONI: 17' Ajeti, 53' Chisbah.

LA CRONACA DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO-  Il calcio d'inizio lo ha dato il Frosinone e sono proprio i ciociari che si spingono in avanti nei primi minuti di gioco, trovando subito il gol al quinto minuto: cross di Matteo Ciofani per il fratello Daniel che di testa insacca. La risposta del Chievo arriva cinque minuti più tardi con Castro che impegna Leali, la palla poi viene spazzata via da Ajeti. Il centrocampista del Chievo, Castro, ha provato ha stringere i denti, ma un infortunio lo costringe ad uscire al quindicesimo minuto, al suo posto entra Pinzi. Il metro arbitrale è molto fiscale e i giocatori in campo se ne accorgono. Al 15' Sardo viene ammonito per aver toccato la palla con la mano, ma la sanzione è sembrata eccessiva. Come eccessivo il cartellino rosso nei confronti del difensore del Frosinone Ajeti che per gioco pericoloso è stato allontanato dal campo. Per proteste ammonito Leali. Stellone corre subito ai ripari, facendo entrare Blanchard per coprire il buco al centro della difesa, esce Frara. La superiorità numerica aiuta la manovra offensiva del Chievo che dopo un inizio timido ha preso in mano il controllo del gioco. Al 23' Floro Flores ha provato a segnare col tacco su assist di Pellissier, ma non ha trovato la porta. Prima della mezz'ora ci prova anche Gobbi al termine di un'azione insistita, la palla arriva sul piede del difensore clivense su iniziativa di Pepe, ma Gobbi col sinistro non trova la porta. Dopo aver a lungo subito, doppio tentativo del Frosinone ancora con i fratelli Ciofani. Prima ci prova l'attaccante Daniel, ma la difesa allontana sui piedi di Matteo Ciofani che da fuori area tira e trova la pronta risposta di Bizzarri che blocca. Sul capovolgimento di fronte Pellissier di testa non inquadra la porta sul suggerimento di Sardo. Il pareggio del Chievo però è vicino e lo firma Floro Flores, alla sua prima marcatura con la maglia gialloblù. Ancora una volta è Sardo a creare l'occasione giusta per gli attaccanti del Chievo, Floro Flores prima ci prova di testa, poi deve vincere un rimpallo con Ciofani per mettere la palla alle spalle di Leali. Pareggio giusto del Chievo, che ha sfruttato al meglio la superiorità numerica. Negli ultimi minuti del primo tempo, un'occasione per il Frosinone con Gucher che da fuori area non colpisce bene la sfera e Bizzarri la può bloccare. La colpisce bene invece Floro Flores che con una conclusione molto potente impegna Leali che respinge con i pugni. Nel recupero, ultima azione insidiosa del Chievo, ma Hetemaj perde il tempo della conclusione sull'ennesimo suggerimento di Sardo e viene anticipato. 

SECONDO TEMPO- Tocca al Chievo dare il via alla seconda frazione di gioco. Nessuna sostituzione. Alla prima azione il Chievo entra subito in area, Rigoni viene cinturato da Pavlovic e l'arbitro fischia. Rigore per il Chievo, trasformato da Pellissier che spiazza Leali. Per il Frosinone piove sul bagnato, dopo il vantaggio del Chievo al 47' arriva anche il secondo cartellino giallo per Chisbah al 53' per un fallo di mano a centrocampo. Il direttore di gara, Carmine Russo, non ha dubbi e sanziona il centrocampista ospite che così lascia il campo da gioco. Frosinone che quindi deve giocare in nove contro undici. Carmine Russo è inflessibile da una parte e dall'altra e pochi minuti dopo l'espulsione di Chisbah, ammonisce Pinzi per un fallo su Ciofani. Il doppio vantaggio numerico del Chievo, diventa presto un doppio vantaggio anche nel risultato. Il pressing di Rigoni su Soddimo è vincente, il centrocampista del Chievo recupera un pallone a centrocampo, alza la testa e da trenta metri supera Leali con un pallonetto. Un gol straordinario a cui segue la quarta marcatura gialloblù. Il 4-1 è siglato da Sardo, che tira al volo su assist di Pepe. La palla colpita da Sardo finisce sotto la traversa alle spalle del portiere del Frosinone. Per il difensore del Chievo, la classica ciliegina sulla torta dopo una prestazione fantastica. Dopo il quarto gol del Chievo segnato al 60', il Frosinone ha smesso praticamente di giocare ed è solo il Chievo che si spinge in attacco, cercando la cinquina. Al 66' ci prova Spolli di testa su un cross dalla bandierina, ma la palla finisce di nuovo in corner. Nuovo calcio d'angolo su cui Blanchard interviene rischiando l'autorete, ma la palla va fuori. Due minuti più tardi, è Pepe a cercare il gol, ma il tiro finisce alto sopra la traversa. Maran è costretto ancora ad una sostituzione per un infortunio. Nel primo tempo è dovuto uscire Castro e al 76' esce Hetemaj, al suo posto entra Costa. Il Frosinone vuole solo che la partita finisca il prima possibile, gli attaccanti del Chievo hanno però fame di gol. Floro Flores cerca la doppietta, ma il suo tiro viene deviato in angolo da Leali. La doppietta la trova Pellissier, che coglie un assist di Pepe e deposita la palla in rete sorprendendo la difesa laziale alle spalle. Il gol arriva a dieci minuti dalla fine, ma sancisce di fatto il termine dell'incontro, perché nel finale non succede più nulla. Frosinone e Chievo non hanno più motivazioni per attaccare e senza un minuto di recupero arriva il triplice fischio dell'arbitro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chievo Verona - Frosinone 5-1 | Salvezza matematica da record per i clivensi

VeronaSera è in caricamento