menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Chievo vuole trattenere Paloschi e Obinna, mentre Dramè sembra in partenza

Per l'italiano bisogna discutere con i proprietari dell'altra metà del cartellino, il Milan, mentre il nigeriano è di proprietà del Lokomotiv Mosca

Con la conferma di Corini arrivata in settimana, il Chievo Verona può finalmente dare il via al proprio calciomercato e cercare così di rinforzare una rosa che anche nella prossima stagione affronterà il campionato di serie A. 

Come prima mossa il club della diga ha rinnovato il contratto a tre pedine importanti per il reparto arretrato: Dainelli, Frey e Sardo. Tutti e tra i giocatori vestiranno la maglia clivense fino al 30 giugno 2015. Mentre chi ha già salutato le rive dell'Adige è Michael Agazzi, fresco di firma con il Milan fino al 2017. 

Da Milano sponda rossonera passa anche il destino di Alberto Paloschi a metà tra le due società, con i "mussi" che vorrebbero convincere Galliani a lasciare la punta un altro anno a Verona. 

Uno dei settori che necessita forzatamente di qualche ritocco è il centrocampo, per il quale sembra ci siano tre nomi sull'agenda di Sartori. Il primo obiettivo è quello di Leandro Greco, nella scorsa stagione a Livorno e chiesto da Corini per alzare il tasso tecnico di una metà campo imbottita di mediani. Il secondo è quello di Isaac Cofie, già in gialloblu nella scorsa stagione, ma Gasperini sembra restio a far partire il centrocampista ghanese. La terza pista è quella che porta ad Alfred Duncan, anche lui l'anno scorso a Livorno ma di proprietà dell'Inter. 

Chi sembra certo di salutare la squadra è Dramè, in scadenza di contratto e tentato dall'Atalanta, mentre Rubin dovrebbe essere vicino al rinnovo. C'è qualcuno invece che farebbe carte false per rimanere alla corte di Corini: Victor Obinna è di proprietà del Lokomotiv Mosca, dove peraltro non ha mai inciso davvero, ma vorrebbe rimanere nella società che lo ha lanciato da giovanissimo. Il nodo è l'ingaggio del giocatore di un milione e seicentomila euro, troppo alto per le casse clivensi. L'unica possibilità per lui sembra essere quelle di un rinnovo del prestito. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento