menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chievo Verona - Bologna 3-0 | Paloschi alimenta la fiamma della speranza

Due gol dell'attaccante e uno di Rigoni archiviano la pratica felsinea dopo un'estenuante battaglia avvenuta sul terreno del Bentegodi. Ora i clivensi hanno tre punti sulla zona retrocessione

Il Chievo Verona batte il Bologna nella trentesima giornata di serie A, nel fondamentale scontro salvezza andato in scena al Bentegodi. 

Doveva essere la gara della vita per il Chievo, e così è stato. Il match si è messo subito in discesa per la formazione di Corini, che è riuscita poi a concedere poco ad un avversario altrettanto determinato e a chiudere la partita nel finale. Il coraggio messo in campo dai Mussi è stato premiato dal risultato: l'intraprendenza mostrata in questi fondamentali novanta minuti ha portato al club della diga tre punti importantissimi per lotta salvezza.

L'uomo partita oggi è Alberto Paloschi: il pallone del rigore fischiato ad inizio gara da Rocchi pesa come un macigno, ma il giovane attaccante lo scaraventa in rete con freddezza. Bravo poi durante tutto l'arco del match e a chiudere i conti ad un quarto d'ora dal termine. 

CHIEVO VERONA - BOLOGNA 3-0

MARCATORI: Paloschi (CV) su rig. al 7', Paloschi (CV) al 77', Rigoni (CV) al 89'

PRIMO TEMPO - Partita spigolosa fin dall'inizio. Rubin al 6' entra in area e viene steso da Garics: rigore. Sul dischetto va Paloschi che fulmina Curci con un tiro sotto la traversa. Garics ci prova di testa su invito di Morleo, ma la conclusione è fuori misura. Al 15' Obinna ci prova con un destro dal limite, ma la sfera che termina la sua corsa abbondantemente a lato. Ora il Chievo chiude gli spazi in attesa di colpire con le sue ripartenze. Sugli sviluppi di un corner al 28' Obinna lascia partire un gran diagonale che va vicino al palo. Punizione ben calciata da Lazaros al 31', Agazzi sbaglia l'uscita e sul secondo palo svetta Cherubin: colpo di testa fuori di un soffio. Al 37' Curci fa buona guardia sul tentativo da calcio piazzato di Obinna. Sono i padroni di casa ora a spingere per cercare il colpo del KO. 

SECONDO TEMPO - Nei primi due minuti della ripresa un'occasione per parte: prima Obinna impegna Curci, poi Agazzi rimedia su Bianchi. Al 53' una punizione di Obinna trova Cesar in area, ma il colpo di testa dello sloveno termine incredibilmente fuori. Termina a lato la conclusione di Guarente al 55'. Controllo e destro di Acquafresca al 59' ma strozza il suo tiro. Khrin di testa su corner di Lazaros al 65': palla fuori.Obinna al 78' ruba il pallone a Sorensen e si invola verso l'area. Il cross però è troppo lungo perchè Paloschi ci possa arrivare. Paloschi di testa sugli sviluppi di una punizione raddoppia per il Chievo al 77'. La difesa clivense si chiude sull'occasione di Khrin al 86'. Rigoni stoppa in area al 89', dribbla Sorensen e chiude definitivamente l'incontro.

CHIEVO VERONA (4-3-1-2): 25 Agazzi; 21 Frey, 3 Dainelli, 12 Cesar, 33 Rubin (dal 66' 17 Sardo); 8 Radovanovic, 27 Rigoni, 23 Guarente; 56 Hetemaj (dal 84' 9 Bentivoglio); 10 Obinna (dal 71' 7 Lazarevic), 43 Paloschi. 

A disposizione: 39 Stoian, 93 Dramé, 5 Canini, 31 Pellissier, 2 Bernardini,1 Puggioni, 18 Squizzi, 22 Paredes, 77 Théréau. Allenatore: Eugenio Corini.

BOLOGNA: 1 Curci; 6 Sorensen, 14 Natali, 21 Cherubin; 8 Garics (dal 29' 13 Laxalt), 24 Pazienza (dal 57' 20 Ibson), 19 Christodoulopoulos, 4 Krhin, 3 Morleo; 9 Bianchi (dal 57' 99 Cristaldo), 12 Acquafresca.

A disposizione: 5 Antonsson, 11 Friberg, 35 Cech, 32 Stojanovic, 16 Malagoli, 22 Mantovani, 15 Pérez, 10 Moscardelli, 75 Crespo. Allenatore: Davide Ballardini

ARBITRO: Gianluca Rocchi di Firenze. 

AMMONITI: Rigoni, Morleo, Ibson, Paloschi, Khrin, Cherubin

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento