Sport

Il Chievo Verona si inginocchia ai piedi del "profeta" Hernanes

Il brasiliano della Lazio segna due gol e serve un assist fantastico a Klose. Per i gialloblù gol della bandiera di Pelliser su rigore. Finisce 1-3

Il Chievo si inginocchia ai piedi di Hernanes e la Lazio passa per 1-3 al Bentegodi. Il brasiliano segna due gol e ne ispira un altro, dominando la scena dal primo all'ultimo minuto. Il numero 8 biancoceleste rende onore al suo soprannome, il "profeta", ispirando la squadra sin dal fischio d'inizio.

LA PARTITA - Pronti, via e la Lazio sfonda con la prima perla del verdeoro. Hernanes va al tiro da 20 metri con un sinistro chirurgico, palla sul palo interno e poi nel sacco: 1-0 dopo 5 minuti. Il Chievo, colpito a freddo, fatica a imbastire una reazione. I padroni di casa provano a innescare Di Michele e Pellissier, ma la difesa biancoceleste non concede nulla. Davanti, la Lazio si appoggia a Klose che al 24' si traveste da suggeritore: pallone invitante per Candreva, il rasoterra viene stoppato dall'intervento provvidenziale di un difensore. Per vedere un'azione offensiva dei veneti bisogna aspettare la mezz'ora: percussione di Hetemaj, destro potente che sfiora il palo.

È colossale, al 34', la chance che Di Michele spreca da 5 metri: liberato da un folle colpo di testa di Dias, l'attaccante centra Marchetti con un destro a colpo sicuro. L'errore costa carissimo, perchèé la Lazio colpisce subito dopo. Hernanes, sempre lui, parte da centrocampo e arriva al limite dell'area: Sorrentino respinge di piede, Klose deve solo appoggiare in rete per il 2-0 al 37'. Il Chievo continua a lottare per un'ora abbondante e virtualmente alza bandiera bianca al 70'. Il neoentrato Moscardelli, imbeccato da Pellissier, non inquadra la porta sprecando l'ultima vera opportunita' per riaprire i giochi. Dall'altra parte, infatti, sale ancora in cattedra Hernanes. Il brasiliano corona la sua domenica stellare scappa a sinistra e fulmina ancora Sorrentino: 3-0 al 74'. Il Chievo fa in tempo a salvare l'onore con Pellissier, che all'83' trasforma il rigore per il 3-1 definitivo.

TABELLINO

CHIEVO (4-3-2-1): Sorrentino, Jokic, Cesar, Dainelli, Sardo, Hetemaj (Rigoni M, 15' st), Rigoni L., Luciano, Thereau (Stoian 35 s5' st), Di Michele (Moscardelli, 14' st), Pellissier. A disposizioni: Puggioni, Viotti, Andreolli, Guana, Rigoni, Cruzado, Moscardelli, Samassa, Frey, Papp, Vacek, Stoian. All. Domenico di Carlo

LAZIO (4-1-4-1): Marchetti, Cavanda, Dias, Biava, Konko (Scaloni, 1' st), Ledesma, Mauri, Hernanes, Gonzales (Cana, 20' st), Candreva (Ederson 33' st), Klose. A disposizione: Bizzarri, Carrizo, Ciani, Scaloni, Ederson, Rocchi, Zarate, Kozak, Lulic, Inazi, Cana, Floccari. All. Vladimir Petkovic

ARBITRO: Rizzoli di Bologna Marcatori: 4' e 72' Hernanes, 37' Klose, 83' Pellisier (R)

NOTE: Ammoniti: Cavanda 7'st (L), Dainelli 16' st (C), Sardo 27' st (C),

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Chievo Verona si inginocchia ai piedi del "profeta" Hernanes

VeronaSera è in caricamento