Chievo con la testa a Palermo, dopo il punto guadagnato contro il Genoa

Per il portiere gialloblu Sorrentino sarà la sfida dell'ex: "Mi farà piacere tornare al Barbera, ma metterò da parte i sentimenti per guadagnare i tre punti"

Un tempo a testa e zero gol. In sette parole questa è stata la partita tra Chievo e Genoa giocata ieri, 5 dicembre, al Bentegodi. Un risultato che va un po' stretto ai gialloblu che hanno avuto l'occasione più importante dell'incontro per portarsi in vantaggio, ma clamorosamente Birsa ha sbagliato il rigore concesso su fallo ai danni di Meggiorini, che poco prima aveva anche colpito una traversa nel tentativo di battere il portiere genoano Perin.

"Abbiamo dato tutto quello che avevamo e se fossimo andati in vantaggio nel primo tempo avremmo parlato di un'altra partita - è stato il commento a fine gara del portiere del Chievo Stefano Sorrentino - Siamo comunque contenti di quello che abbiamo fatto e la prossima volta porteremo a casa più punti". E la prossima volta sarà domenica 11 dicembre alle 15 allo stadio Barbera. Il Chievo incontrerà il Palermo allenata da un grande ex gialloblu come Corini. Fresco ex dell'incontro è anche Stefano Sorrentino che però vuole mettere da parte i sentimenti. "Mi farà piacere tornare in quello stadio, però io sono il portiere del Chievo e voglio andare a Palermo con i miei compagni di squadra per vincere".

"Noi ci teniamo ben stretto questo punto perché ci aiuta a muovere la classifica - ha dichiarato Ivan Radovanovic, uno dei migliori in campo per il Chievo - Siamo partiti un po' timidi, poi abbiamo preso in mano il gioco soprattutto a centrocampo. Abbiamo avuto delle grosse occasioni, come il rigore di Birsa, però anche loro con Ninkovic sono andati vicini al gol e Sorrentino ha fatto delle bellissime parate. Ora dobbiamo pensare a Palermo dove ci aspetta una guerra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Braccato dai carabinieri per il tentato omicidio della fidanzata, si dà fuoco

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

Torna su
VeronaSera è in caricamento