menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Campedelli (Foto di repertorio)

Luca Campedelli (Foto di repertorio)

Plusvalenze fittizie, processo Chievo bis. Audizione per Campedelli

Il presidente del club gialloblu sarà ascoltato martedì 31 luglio ed è possibile attendersi una nuova sentenza per metà agosto. Solo ieri il deferimento del Chievo era stato giudicato improcedibile

Nemmeno il tempo di metabolizzare l'esito del primo processo, che è già necessario prepararsi al secondo. Non sembra essere conclusa la vicenda sportivo-giudiziaria del Chievo Verona, deferito insieme al Cesena della procura federale del calcio italiano per il caso delle plusvalenze gonfiate.

Ieri, 25 luglio, è arrivata la sentenza del tribunale federale che ha definito improcedibile il deferimento. Un punto, cioè, a favore del Chievo Verona, che avrebbe rischiato penalizzazioni e addirittura la retrocessione in Serie B in caso di condanna. Per questo il Crotone è particolarmente attento a questa vicenda, perché nel caso in cui il Chievo venisse retrocesso, i calabresi sarebbero ripescati nella massima serie. Il Crotone ha chiesto subito un nuovo processo, mentre il Chievo è rimasto in silenzio.

La procura della federcalcio non è rimasta con le mani in mano e, dopo la sentenza di ieri, ha notificato alle parti in causa la chiusura delle indagini per il cosiddetto processo Chievo bis, riguardante sempre il caso plusvalenze. La notizia della mossa della procura è stata diffusa da Ansa, che ha appreso inoltre la data dell'audizione del presidente del Chievo Verona Luca Campedelli. Il numero uno gialloblu sarà ascoltato martedì prossimo, 31 luglio, ed è possibile attendersi una nuova sentenza per la metà di agosto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento