rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Calcio

Hellas Verona, in utile il bilancio del 2021. Setti il dirigente più pagato della Serie A

La società gialloblù ha chiuso al 30 giugno 2021 con un positivo di 1,1 milioni di euro, con dei ricavi che hanno sfiorato i 100 milioni. Oltre che gli introiti dati dai diritti tv, dal mercato sono arrivate plusvalenze per 26,5 milioni in larga parte derivanti dalla cessione di Kumbulla alla Roma

L'Hellas Verona ha chiuso il bilancio al 30 giugno 2021 con un utile di 1,1 milioni di euro, dopo l’utile di 8,2 milioni fatto segnare nell’esercizio al 30 giugno 2020.

Secondo i dati diffusi da Calcio e Finanza, i ricavi del Club scaligero hanno sfiorato i 100 milioni di euro, con un fatturato iscritto a bilancio pari a 99,192 milioni spinto dai ricavi dai diritti tv e dal calciomercato. Nel dettaglio, infatti, i ricavi da diritti tv sono stati pari a 51,319 milioni contro i 29,162 milioni del 2020. Dal mercato, inoltre, sono arrivate plusvalenze per 26,5 milioni in larga parte derivanti dalla cessione di Kumbulla alla Roma per 25,5 milioni. Inoltre, l'Hellas ha incassato 3 milioni per il prestito dello stesso difensore albanese ai giallorossi, mentre tra i ricavi sono stati iscritti anche 8,8 milioni come premi di rendimento e valorizzazione incassati nel corso della stagione 2020/21. Tra gli altri ricavi, inoltre, gli sponsor ufficiali e lo sponsor tecnico Macron hanno garantito 3,3 milioni di euro. Azzerati, ovviamente, i ricavi da matchday, contro i 3,3 milioni del bilancio 2020.

Complessivamente, i ricavi sono stati pari così a 99,192 milioni contro i 62,278 milioni del 2020, anche per lo spostamento nel bilancio 2021 di una parte dei ricavi legati alla disputa di cinque gare della stagione 2019/20 nel luglio 2020 dopo lo slittamento del campionato. Per lo stesso motivo, anche i costi sono saliti, passando da 55,8 a 94,7 milioni. La voce maggiore è quella relativa ai costi del personale, pari a 55,4 milioni di euro: i compensi contrattuali per i calciatori sono stati pari a 36,8 milioni di euro, mentre quelli per allenatori e tecnici è stata pari a 3,9 milioni. Inoltre, gli ammortamenti legati ai cartellini dei giocatori sono stati pari a 5,8 milioni nel corso del 2020/21. In crescita anche i costi per i prestiti, pari a 4,5 milioni di cui 1 milione per Çetin dalla Roma e 800mila euro ciascuno per Vieira dalla Sampdoria e Benassi dalla Fiorentina. L'EBITDA è stato così positivo per 11,9 milioni, con un EBIT positivo per 4,4 milioni. Dopo le imposte, il risultato netto è così positivo per 1,1 milioni, contro gli 8,2 milioni del 2020.

Dai documenti ufficiali dei Club di Serie A relativi alla stagione 2020/21, poi, è emerso che il dirigente più pagato è stato il presidente dell'Hellas Maurizio Setti. Nell'annata di riferimento, infatti, il "compenso all'Amministratore Unico", ovverosia il patron del Verona, è stato pari a 3,788 milioni di euro, rispetto ai 3,061 milioni di euro della stagione 2019/20. Alle spalle di Setti, considerando i soli dati ufficiali, troviamo il CEO del Milan Ivan Gazidis, con un compenso da 3,150 milioni lordi, seguito da Fabio Paratici, ex Managing Director dell'area Football della Juventus, con 2,6 milioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hellas Verona, in utile il bilancio del 2021. Setti il dirigente più pagato della Serie A

VeronaSera è in caricamento