rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Calcio

Hellas, domenica strepitosa al Bentegodi. Tudor: «Vittoria e quattro gol contro la Lazio, grande partita. Risultato che dà sicurezza e autostima»

L'allenatore gialloblù, dopo il colpo messo a segno al Bentegodi: «I ragazzi hanno gestito la gara con intelligenza e sono stati bravi a non farsi condizionare dalla rete subita. Caprari e Simeone? Coppia di attaccanti molto forte»

È un Verona da impazzire.

L'Hellas domina la Lazio al Bentegodi, Simeone segna quattro gol, l'attacco gialloblù risulta il terzo del campionato. Nessuno, probabilmente, avrebbe immaginato un miglioramento così drastico dopo il cambio di Di Francesco. Invece Igor Tudor è riuscito a dare nuova linfa, proseguendo il lavoro di aggressività e intensità del suo predecessore Juric, e accumulando punti sempre più pesanti per avvicinarsi all'obiettivo prefissato della salvezza. Sicuramente una domenica da ricordare al Bentegodi: i biancocelesti di Sarri, come detto, vengono affossati dal poker scaligero, finalizzato dall'attaccante più in forma del momento. Il Cholito, con la sua quaterna, entra di diritto nella storia gialloblù: è uno degli unici due giocatori in Serie A ad aver segnato almeno quattro reti in un singolo match, insieme a Del Vecchio (cinque contro la Sampdoria nel 1958). Due siglati nel primo tempo, di cui uno meraviglioso di controbalzo, e due nella ripresa. Ad aiutarlo senz'altro il suo compagno Caprari, autore di due filtranti al bacio. La marcatura di Immobile, a inizio del secondo tempo, qualche spavento l'ha creato: ma la squadra questa volta ha retto alla grande, continuando a martellare in avanti, senza dare minime possibilità di rimonta.

Di seguito le principali dichiarazioni dell'allenatore croato al termine dell'incontro, riportate sul sito ufficiale del Club gialloblù:

«Grande vittoria contro una squadra di valore, quanto è soddisfatto? Sono molto felice per i ragazzi, quella di oggi è stata una bellissima partita, abbiamo segnato 4 gol, concedendo molto poco ad una squadra di qualità come la Lazio. È un risultato che ci dà sicurezza e accresce la nostra autostima in vista delle prossime gare. Siamo riusciti a mantenere il vantaggio fino alla fine dopo il 2-0 all'intervallo: i ragazzi hanno gestito la gara con grande intelligenza e sono stati bravissimi a non farsi condizionare dalla rete della Lazio che avrebbe potuto minare le sicurezze. Avevamo voglia di fare il terzo gol per chiuderla, e ci siamo riusciti, segnandone addirittura il quarto.

La squadra ha dimostrato di essere maturata, oggi, nella gestione dei momenti e soprattutto dopo aver subìto il gol avversario appena dopo l’intervallo? Si, ripeto: il gol della Lazio poteva metterci in difficoltà, soprattutto dal punto di vista psicologico. Siamo stati bravi a non smettere di attaccare e ad andare continuamente alla ricerca del terzo gol e a gestire la reazione della squadra di Sarri.

Tre vittorie su tre in casa, c'è un'alchimia particolare tra la squadra ed i tifosi? I ragazzi stanno bene, sono felici del supporto del pubblico. Questa è la strada giusta, dobbiamo continuare così per noi e per i nostri tifosi.

L'intesa tra Simeone e Caprari è quella di due attaccanti che parlano lo stesso verbo calcistico? Sono d'accordo, penso esista una sintonia tra di loro sia dentro che fuori dal campo. È una coppia di attaccanti molto forte, un allenatore non può che essere felice di averli a disposizione.

Media di 3 gol a partita: sta valorizzando molto la fase offensiva… I ragazzi lavorano tutti i giorni con impegno e la domenica dimostrano sul campo il frutto dei loro allenamenti. In sei giorni affrontiamo, dopo quella di oggi, altre due partite molto importanti contro avversari forti, lavoreremo per dare il massimo in ognuna di queste, non facendoci condizionare da un calendario che ci impone ancora una volta un tour de force eccessivo. Ma lo accettiamo, e pensiamo a noi e a dare il meglio di noi stessi».

Sempre più determinante Gianluca Caprari, che sin qui ha realizzato tre gol e quattro assist nella sua avventura in gialloblù. Due dei suoi passaggi vincenti li ha forniti proprio al Cholito contro la Lazio, in occasione del primo e del terzo gol. Queste le sue parole, anch'esse riportate sul sito ufficiale della società di via Olanda:

«Un'altra domenica strepitosa al Bentegodi, 4-1 contro una grande squadra come la Lazio. Abbiamo dimostrato anche oggi di essere una squadra forte, in grado di giocare a viso aperto contro chiunque. Non era facile, specie dopo la rete dell’1-2 subìta subito dopo l’intervallo, ma negli spogliatoi ci eravamo detti di tenere duro fino alla fine, e siamo stati bravi a reagire subito senza abbassarci ulteriormente, tornando in avanti e segnando altri due gol. Alla fine abbiamo meritato di vincere ed è stato bello festeggiare con i nostri tifosi.

Quattro gol segnati oggi, è un Verona che vanta il migliore attacco della Serie A, nelle ultime 6 partite, con 3 reti di media. Questo è un dato che significa tanto circa il nostro valore e la bontà delle nostre prestazioni, del lavoro che stiamo  facendo insieme. Stiamo dando continuità e questo è fondamentale, non dobbiamo fermarci.

In 7 presenze con il Verona, 3 gol e 4 assist per te. Sto molto bene, oggi potevo anche segnare, oltre ai due assist che Simeone è stato bravo a convertire in gol. Sono davvero contento per lui, è un ragazzo d'oro, lavora duramente e con grande professionalità. Alla fine il lavoro paga sempre, si è meritato una giornata del genere.

Il pubblico oggi è stato davvero un fattore importante… La spinta dei nostri tifosi per noi è fondamentale. Ci danno ulteriore forza ed energia, specialmente quando giochiamo in casa. Il loro sostegno incondizionato ci ha dato coraggio anche dopo il gol della Lazio, siamo contenti di averli dalla nostra parte in ogni sfida».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hellas, domenica strepitosa al Bentegodi. Tudor: «Vittoria e quattro gol contro la Lazio, grande partita. Risultato che dà sicurezza e autostima»

VeronaSera è in caricamento