rotate-mobile
Calcio

Comitato Regionale Veneto, festeggiata la conclusione di una stagione "normale"

Al Teatro Ferrari di Camposampiero, in provincia di Padova, l'ente territoriale della FIGC ha celebrato i vincitori dell'annata, ma soprattutto la soddisfazione di aver finalmente superato il difficile biennio della pandemia

Finalmente, dopo il difficile biennio della pandemia, il movimento calcistico è tornato a vivere una stagione "normale".

Con questo spirito di soddisfazione si è svolta nella mattinata dello scorso sabato, 25 giugno, la Festa delle Premiazioni delle Società e delle Benemerenze regionali organizzata dal Comitato Regionale Veneto FIGC-LND.

L'evento, come riportato sul sito ufficiale del CR, ha sancito la chiusura della stagione agonistica 2021/2022 del calcio dilettantistico e giovanile veneto. Per l'occasione sono stati premiati i vincitori dell'annata, richiamando così al Teatro Ferrari di Camposampiero, in provincia di Padova, circa 150 club provenienti da tutta la regione.

Dopo i saluti del Sindaco di Camposampiero Katia Maccarrone e del Vicesindaco Attilio Marzaro, del Consigliere Federale per l'area Nord della LND Florio Zanon e del Presidente del CR Veneto Giuseppe Ruzza, ha preso il via l'attesa cerimonia. Sul palcoscenico sono salite le società vincenti i gironi e la coppa disciplina dei campionati regionali di calcio a 11 (Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria) e di Settore Giovanile (U19, U18, U17, U16 U15, U14), di calcio a 5 (Serie C1, Serie C2, Serie D, U21, U17, U15 Maschile, Serie C Femminile), di calcio a 11 femminile (Eccellenza, U19). A seguire la consegna dei diplomi ai Dirigenti Benemeriti Regionali. Tra i momenti più significativi della giornata la premiazione dell'Hellas Verona For Special – che ha trionfato nella finale nazionale DCPS (Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale) Centro-Nord, dopo essersi aggiudicata il campionato regionale – e l'intervento di Vincenzo Comito, capitano della Nazionale di calcio a 5 ipovedenti e giocatore del Futsal Treviso.

A concludere, il commento di Ruzza: «Essere tornati a celebrare questa festa è un chiaro segnale di ripresa, accompagnato dalla speranza che si possa presto tornare ad una definitiva normalità. È stata l’occasione per premiare quelle società che in una stagione sportiva finalmente conclusa in modo consono sono riuscite a primeggiare, senza dimenticare le benemerenze ai dirigenti, premiati per il loro impegno e la loro dedizione quotidiana. Riconoscere queste eccellenze è per noi motivo di vera soddisfazione: il calcio dilettantistico e giovanile è vivo, e tutto ciò grazie al volontariato, vero volano della nostra società».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comitato Regionale Veneto, festeggiata la conclusione di una stagione "normale"

VeronaSera è in caricamento