rotate-mobile
Sport

Attenti, il doping corre pi veloce dei controlli"

Ma il presidente provinciale di Federciclismo salva il settore giovanile

La notizia che la Lampre ha sospeso  il ciclista veronese Pietro Caucchioli - in seguito alle procedure disciplinari avviate dall’Uci nei suoi confronti per violazione delle norme antidoping - fa tornare alla ribalta il problema del doping, una piaga di cui il ciclismo sembra non riuscire a liberarsi. A questo proposito abbiamo interpellato il presidente di Federciclismo Verona Gianluca Liber.
Presidente, che cosa pensa del caso Caucchioli?
“è prematuro dare giudizi perche la vicenda é solo agli inizi. Per ora Caucchioli non è stato trovato positivo a nessuna sostanza proibita e la sua squadra l’ha sospeso solo in via precauzionale.”
Che cosa si fa per debellare il fenomeno doping?
“Il doping c’è, è inutile nasconderlo, e reca grave danno all’immagine del nostro sport. Per questo è importante combatterlo: negli ultimi 4 anni la federazione ciclistica italiana ha effettuato oltre 5000 controlli, investendo ingenti risorse. Purtroppo il doping corre più veloce dell’antidoping e la repressione non basta.”
Esiste un problema doping nel ciclismo veronese?
“A livello giovanile il problema non c’è, ci metterei la mano sul fuoco. Conosco personalmente i presidenti e i direttori delle società veronesi e so che lavorano costantemente per diffondere una cultura antidoping.”

Cosa fa la sua federazione per i giovani?
“Come Federciclismo Verona investiamo molto a livello di formazione: con le nostre società organizziamo numerosi incontri nelle scuole per promuovere il ciclismo ed educare ad una sana cultura sportiva.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attenti, il doping corre pi veloce dei controlli"

VeronaSera è in caricamento