menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carattere Tezenis all'Agsm Forum. Arriva all'overtime la vittoria su Ferrara

Dopo essere stata avanti nelle prime due frazioni, la Scaligera è stata rimontata nel terzo periodo, chiudendo il tempo regolamentare in perfetta parità. Poi nei 5 minuti supplementari i ragazzi di Dalmonte hanno trovato lo strappo decisivo

Al termine di una sfida a corrente alternata, che l'ha vista prendere il largo nei primi due quarti e andare sotto nel terzo, la Tezenis conquista all'overtime la vittoria con Ferrara per 92-81, dopo che i primi 40 minuti si erano conclusi sul 78-78. Una partita che si è conclusa con l'Agsm Forum in piedi ad omaggiare il carattere mostrato dalla Scaligera, che nonostante il calo mentale accusato nella seconda fase del match, ha saputo rimettersi in carreggiata e superare l'avversario.
Alla fine, così coach Dalmonte ha analizzato la gara di venerdì sera. 

Sapevamo di giocare contro una squadra di talento, che ha una modalità di gioco tale per cui la partita l’avevamo prevista ad elastico e a strappi. Per la filosofia di gioco che ha Ferrara e a strappi per il suo talento. Devo dire che per venti minuti siamo riusciti a tenere compresso il ritmo preferito di Ferrara concedendo solo 12 punti in contropiede che è il loro aspetto offensivo più produttivo, avendo tenuto noi anche un buon ritmo offensivo. In un modo o in un altro abbiamo fatto più o meno la stessa cosa, malgrado Ferrara sia stata brava a cambiare lo scenario difensivo. Sono stati più aggressivi per un certo momento, hanno preso i cambi difensivi, hanno cercato di incrinare il nostro attacco ma a livello mentale abbiamo avuto una buona reazione/tenuta nel quarto quarto e nel supplementare.
Non ho dimenticato il terzo quarto, dove si è vista una squadra che è indipendente dai meriti di Ferrara che non è il soggetto della mia riflessione. Nel terzo abbiamo ci siamo stoppati, abbiamo forzato i primi cinque possessi fra due palle perse e il non ritmo offensivo, abbiamo dimenticato di giocare e contestualmente cinque difese che hanno permesso a Ferrara un parziale di 30-12 dopo venti minuti in cui di punti ne avevano fatti solo 32.
Qui il problema è riuscire ad avere una tenuta mentale che è l’aspetto meno allenabile fra i tanti aspetti allenabili e migliorabili. Non lo dico per vigliaccheria, lo dico perché dobbiamo esserne consapevoli noi come squadra. È una scelta che dobbiamo fare noi, come somma delle individualità, per arrivare a quella di squadra dove dobbiamo metterci d’accordo su come vivere i momenti negativi. Dobbiamo accettare i momenti degli avversari, non possiamo pensare di essere belli e funzionali solo quando le cose vanno bene, anche per merito nostro. Ma nel momento in cui la partita va nelle mani degli altri dobbiamo avere la capacità di reagire e tenere a freno l’emorragia. Invece è come se ci squarciassimo ancor di più la ferita.
Per ignoranza ammetto che non conoscevo Pellegrino prima di giocare con Ferrara. Per me è un giocatore clamoroso, ma non perché ha fatto questo tipo di partita. Giocatore super.
Ferrara è stata brava ed aggressiva, ma noi non possiamo regalare dieci minuti in una partita in cui avevamo dato degli indizi di aver capito il senso della gara.
Questo è un aspetto determinante che deve diventare una percentuale di autocritica che ci portiamo a casa come compiti di Natale così come, attenzione, dobbiamo essere pragmatici e cinici. Dire che dobbiamo essere contenti è una parola troppo grossa, soddisfatti è border line, ma certamente possiamo andare a casa con un sorriso perché abbiamo vinto. E vincere ci deve regalare un sorriso per rientrare in palestra domenica con una buona energia.

LA CRONACA - La Tezenis chiude il primo quarto in vantaggio, sul 23-15 grazie soprattutto ad un parziale di 8-0 chiuso a 2’02” dalla tripla dall’angolo di Basile. I punti di divario sono otto (25-17) anche nell’ultimo minuto, col canestro in contropiede di Boscagin ed al suono della prima sirena. Nella Tezenis sei i punti di Robinson e di Portannese. Di Pellegrino il primo canestro, che scatena tutto l’Agsm Forum che in campo lancia centinaia di peluches per il pieno trionfo del Teddy Bear Toss.

Bowers da tre apre il secondo quarto, imitato dall’angolo (28-22) nel possesso successivo da Boscagin. Ispirato il capitano, che ne mette subito altri tre e poi va fino in fondo in sottomano rovesciato a depositare (7’44”) il 33-22 che costringe Ferrara a chiamare minuto di sospensione. Il canestro di Frazier sposta il punteggio sul 37-28 a metà tempo, 39-29 a 4′ dall’intervallo con due ancora di Frazier, 42-29 a 3’23” con altri tre di Portannese. Dopo il timeout della Bondi un’entrata di Robinson dà alla Tezenis il nuovo massimo vantaggio (44-29). Ultimo minuto. Frazier allo scadere dei 24” mette i due del 46-32. Fine primo tempo, grande Tezenis. Dodici i punti di Frazier, 10 di Boscagin, 9 di Portannese.

L’inizio del terzo quarto è di Ferrara, con un parziale di 11-3 dopo 2’37” e la schiacciata di Pellegrino del 49-43. Dopo 3’26” Mastellari trova i punti dall’angolo (49-45) ed il fallo di Robinson. Sbaglia Mastellari il libero supplementare, non sbaglia DiLiegro (51-45) ma nemmeno Pellegrino (51-47) sotto l’altro canestro. Metà tempo. Segna Moreno da tre e da sotto, parità a 52 a 4’09”. Il parziale è di 20-6 per la Bondi. Frazier in entrata firma il 54-52 ma il semigancio di Pellegrino dà altri due punti a Ferrara. Cortese (3’06”) piazza la bomba, Moreno (54-59) consegna alla Bondi cinque punti di vantaggio. Due liberi di Pini fanno 56-59, Bowers commette il quarto fallo sfondando su Pini. Cortese di tabellone segna tre punti (56-62), segna Pini (58-62), Cortese sbaglia l’ultimo tiro.

Ultimi dieci minuti. I primi canestri, da sotto, sono quelli di Brkic e Pellegrino, da tre Brkic fa 63-64, così come Mastellari dall’angolo (63-67) nell’azione successiva. Boscagin appoggia al vetro il 63-67, Cortese mette i tre del 65-70, Brkic altri tre per il 68-70, Cortese (5’56”) il 68-72 da sotto. Portannese infila di volontà la tripla del 71-72 a 4’52”, Moreno (4’10”) sempre da tre restituisce a Ferrara (71-75) quattro punti di vantaggio, due liberi di Pellegrino (3’42”) i punti del 71-77. Altra tripla dello scatenato Brkic (74-77) a 3’18”, Bowers (2’37”) commette il quinto fallo, Pini non sbaglia i due liberi del 76-77, Robinson manca la bomba del sorpasso. Roderick dalla lunetta (76-78) ne mette solo uno. Ultimi due minuti. Il fallo di Cortese (1’26”) manda in lunetta Brkic per i liberi del 78-78. Parità. Ferrara non tira, la parabola di Portannese si incastra fra ferro e tabellone. Mancano 45” alla fine. Sbaglia Roderick, sbagliano Robinson e Roderick allo scadere. Si resta sul 78-78, supplementari.

Cinque minuti ancora. Il tentativo di tripla di Portannese si ferma ancora fra ferro e tabellone. Un libero ed un’entrata di Frazier (3’29”) riportano in vantaggio la Tezenis (81-78), Ferrara non trova più il canestro, Boscagin dalla lunetta (3’08”) segna il primo e il secondo. Irregolare il blocco di Pellegrino su Brkic, che allo scadere dei 24” fa esplodere l’Agsm Forum con la bomba dell’86-78. Pellegrino rompe il digiuno di Ferrara, ma Frazier (1’01”) mette un altro sigillo (88-81) sulla contesa. Portannese in contropiede appoggia il 90-81 a 40” dall’ultima sirena. Stavolta è fatta davvero. Termina 92-81.

TEZENIS VERONA - BONDI FERRARA 92-81 (25-17, 46-32; 58-62)

Parziali: 25-17, 21-15; 12-30, 20-16; 14-3

TEZENIS VERONA: Robinson 8 (35’01”, 4/6, 0/3), Portannese 15 (36′, 1/4, 4/8, 1/2), Frazier 21 (40’12”, 10/18, 0/3, 1/3), Totè 3 (14’08”, 0/1, 1/2), DiLiegro 4 (15’46”, 2/5, 0/2 tl); Boscagin 14 (17’05”, 3/3, 2/4, 2/2), Brkic 18 (29’14”, 1/1, 4/7, 4/4), Pini 6 (27’32”, 1/6, 0/2, 4/4), Basile 3 (9’59”, 1/1 da tre). Ne: Rovatti. Allenatore: Dalmonte.

BONDI FERRARA: Moreno 12 (42’06”, 1/1, 3/9, 1/2), Roderick 11 (26’06”, 4/7, 0/3, 3/8), Cortese 14 (40’03”, 4/5, 2/8), Bowers 16 (22’40”, 4/7, 2/5, 2/2), Pellegrino 17 (36’23”, 7/7, 3/4 tl); Mastellari 5 (26’32”, 1/1, 1/3, 0/1), Soloperto 5 (25’04”, 2/8, 1/2 tl), Ibarra 1 (6’05”, 1/2 tl). Ne: Ardizzoni, Zani, Mastrangelo. Allenatore: Trullo.

ARBITRI: Materdomini, Ascione, Capurro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento