Tornano gli incentivi per le auto a gas

Sbloccato l'ecobonus relativo all'installazione degli impianti a metano e gpl sulle automobili

Tornano gli incentivi per le auto a gas

Rientrata l’emergenza ecobonus. Solo in Veneto 470 officine specializzate nell’istallazione di impianti gpl e metano per auto rischiavano di dover pagare di tasca propria gli ecoincentivi erogati ai clienti. “Una vera e propria emergenza che per fortuna è rientrata", dichiara Natale Bernardi, presidente regionale di Confartigianato Autoriparazione. L’Agenzia delle Entrate, che a fine ottobre aveva disposto la sospensione dei crediti di imposta collegati all’installazione sui veicoli circolanti di impianti di alimentazione a metano e gpl, ha infatti ripristinato i codici tributo che permetteranno agli autoriparatori di recuperare il bonus fiscale già dalla liquidazione di gennaio. Non si tratta di spiccioli. Il fondo utilizzato nel 2010 è stato di oltre 17 milioni di euro.

Il meccanismo di erogazione degli incentivi consiste in uno sconto applicato direttamente dalle officine in fattura, importi che le imprese poi recuperano detraendoli dalle imposte. “Nei giorni successivi al blocco – afferma Massimo Speri, presidente della Federazione di categoria degli autoriparatori di Confartigianato Verona - l’agenzia delle Entrate aveva spiegato le ragioni del disco rosso, parlando di anomalie riscontrate nell’erogazione del bonus. Una spiegazione che ha lasciato a bocca aperta il settore. Le nostre imprese si sono trovate da un giorno all’altro a registrare una perdita netta e a non poter recuperare quanto anticipato ai clienti. Una situazione insostenibile per un comparto marchiato a fuoco dalla crisi, che si è sbloccata solo a seguito della forte azione di Confartigianato Autoriparazione che sul problema ha sensibilizzato le forze politiche”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento