rotate-mobile
Interviste

Sud all'attacco: "Nord parassitario"

Polemiche sui fondi alla sanit. L'assessore campano Caldoro: "Non vogliono perdere privilegi"

Già da giorni tra gli assessori regionali alla Sanità c’è un clima da coltelli, stato che potrebbe inasprirsi oggi durante l’incontro, previsto a Roma nella sede della Regione Veneto. Motivo del contendere è la ripartizione dei fondi che il ministero della Salute ha fatto e che, proprio gli assessori di settore, sono chiamati a discutere ed, eventualmente, a correggere.La posizione più delicata sembra quella dell’assessore del Veneto Luca Coletto che ricopre il duplice ruolo di coordinatore del summit e di reggente di uno degli assessorati alla sanità che ha ricevuto uno dei maggiori incrementi per il 2011 rispetto al 2010.

Proprio Coletto ha fatto sapere che si batterà affinché non ci sia alcuna riduzione dei contributi. Infatti questi soldi in più consentirebbero alla giunta del presidente Luca Zaia maggiore tranquillità nella gestione del disavanzo 2011 e magari potrebbero evitare anche il commissariamento paventato in questo ultimo periodo.

Dall’altra parte alcune Regioni del sud nei giorni scorsi avevano espresso le proprie lamentele al ministero. In Puglia il capogruppo Pd in Consiglio regionale, Antonio Decaro, giudica il riparto del fondo “palesemente sbilanciato a nord”. Dello stesso avviso l’assessore campano Stefano Caldoro: “Chiedo che il governo garantisca un federalismo che sia veramente equilibrato e competitivo. Noi dobbiamo garantire servizi di qualità, in questa situazione c'è una resistenza delle Regioni del nord che vogliono mantenere una posizione parassitaria di rendita, non vogliono perdere quello che hanno. Tutte le Regioni devono partire dallo stesso punto di partenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sud all'attacco: "Nord parassitario"

VeronaSera è in caricamento