Passante nord, via a tariffe ridotte e opere compensative

Il Comune approva le modifiche al progetto iniziale. Subito la bretella tra via Valpantena e traforo

Passante nord, via a tariffe ridotte e opere compensative

Il progetto del passante Nord cambia. Drasticamente. Questo grazie ai 53 milioni di euro che arrivano dall'Anas. La zona che verrà interessata da questo cambio di programma è in gran parte quella della seconda circoscrizione, come il quartiere di Borgo Trento e di Avesa. Inizialmente l'amministrazione comunale aveva optato per una trincea artificiale per tutto questo tratto. Adesso, grazie ai soldi messi a disposizione della Serenissima, aumentano gli interventi sul territorio, che vanno in direzione di un minore impatto per i cittadini. In primis viene inserito il prolungamento della bretellina di Parona che, dalla Statale 12 dove terminava prima, proseguirà fino al collegamento con la strada di Albizzano, a nord di Parona. Questo intervento sarà realizzato dopo cinque anni dal completamento del passante, e, lo spera palazzo Barbieri, permetterà di decongestionare dal traffico l'intera frazione. In questo modo verranno intercettate non solo le autovetture dalla statale 12, ma anche quelle provenienti dalla Valpolicella e da Negrar. La pista ciclopedonale che parte da Bussolengo e che ora termina in corrispondenza del Chievo proseguirà e si collegherà con tutto il resto della pista ciclabile fino alla città. Ne verrà costruita una nuova che da Quinto si collegherà fino a Verona, in via Bonfadio.

Rivoluzione per gli automobilisti che percorreranno spesso il passante. La tariffa non sarà più "a tratta" di un euro e quindici, bensì sarà "chilometrica". Per chi, per esempio, entrerà dalla Valpolicella e uscirà al primo casello in località Preare pagherà molto meno. L'importo si deciderà in gara d'appalto. Taglio dei prezzi anche per chi sfrutterà il parcheggio scambiatore del Saval. Chi ci arriverà sfruttando il filobus e il trasporto pubblico potrà usufruire di una tariffa ridotta. Fin da subito sarà realizzato l'innesto di via Valpantena al traforo delle Torricelle, ed è stato previsto un sottopasso in corrispondenza di Poiano per defluire il traffico verso il traforo. Per i cittadini che abitano in corrispondenza degli svincoli ci sarà una forte riduzione delle tariffe, per facilitare l'utilizzo della nuova arteria e non costringerli a utilizzare le strade della città. Questo è il progetto che andrà in gara d'appalto. Probabilmente nel corso di essa verranno introdotte altre migliorie per il territorio.

"Inizialmente il progetto era previsto in trincea nel passaggio tra Avesa fino a Ca' di Cozzi - spiega il vicesindaco Vito Giacino - La scelta di una galleria coperta ha innalzato notevolmente i costi, ma dà continuità all'invisibilità dell'opera. Chi vorrà vincere la gara, però, dovrà ulteriormente mitigare l'impatto sul territorio". 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento