Pasqua, citt presa d'assalto "Ma non viene valorizzata"

Il presidente degli albergatori Beppino Olivieri: "Padova fa meglio". Perbellini: "Numeri positivi"

Pasqua, citt presa d'assalto "Ma non viene valorizzata"

Il weekend pasquale si apre all'insegna dell'ottimismo. Degli albergatori e dell'amministrazione comunale. Le previsioni sono positive: alcuni hotel hanno già registrato il pienone, altri hanno ancora posti liberi, ma contano sulle prenotazioni dell'ultimo minuto. I prezzi non sono da bassa stagione. "In media per una notte in un albergo a due o tre stelle si spendono dai centoventi euro ai centottanta euro - spiega il presidente degli albergatori di Confcommercio Beppino Olivieri - per pernottare in un albergo a quattro stelle costa duecento euro".

Tedeschi e austriaci hanno preso d'assalto la città, complice il fatto che da loro è festa per tutta la settimana. Sono molte le famiglie straniere che in questi giorni visiteranno i luoghi simbolo di Verona. Che, secondo Olivieri, "andrebbero valorizzati di più dal Comune. Capisco che i soldi sono un problema, ma il Pisanello che si trova a Santa Anastasia vale più della cappella degli Scrovegni di Padova. I numeri però fotografano una realtà diversa". A stretto giro di posta la risposta dell'assessore comunale alla Cultura Erminia Perbellini: "Per quanto riguarda il caso specifico - spiega - sulla cattedrale palazzo Barbieri non può mettere bocca, perché non è di sua proprietà. In ogni caso i numeri ci stanno dando ragione. E' previsto infatti un aumento delle presenze del 13% rispetto all'anno scorso".

I flussi turistici sono cambiati in questi ultimi mesi. L'emergenza Maghreb sta infatti favorendo il nostro territorio, di concerto con l'aumento dei collegamenti aerei low cost. In attesa che Zucchero sancisca l'esordio della stagione estiva, per cui si prevede un boom. "Grazie alla serie di concerti del bluesman emiliano in Arena le presenze turistiche nei primi giorni di giugno sono aumentate del 40% - spiega Beppino Olivieri - per tutto giugno siamo coperti, complice anche il festival lirico. Mentre le prime due settimane di luglio sono ancora scoperte. Ciò dimostra che quando gli eventi vengono pubblicizzati per bene la gente risponde".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento