rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Interviste

Le 12 famiglie dell'Amarone in vetrina all'aeroporto di Monaco

Fino al 31 maggio l'esposizione con degustazioni in Germania, primo sbocco per l'export italiano

L’Amarone d’Arte vola a Monaco per due settimane all’insegna della promozione del vino simbolo della Valpolicella. Da oggi, e fino al 31 maggio, i passeggeri in transito a Spazio Italia, al terminal 2 dell’aeroporto di Monaco (che conta oltre 23 milioni di passeggeri l’anno) potranno conoscere, attraverso percorsi degustativi, l’Amarone delle 12 Famiglie storiche (Allegrini, Begali, Brigaldara, Masi, Musella, Nicolis, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant'Antonio, Tommasi, Venturini, Zenato) che da oltre un anno hanno lanciato un manifesto e un ologramma distintivo a difesa dell’eccellenza produttiva.

Per Sandro Boscaini, presidente delle Famiglie dell’Amarone d’Arte: “La Germania è uno dei principali sbocchi per l’export dei vini italiani in Europa e nel mondo. Infatti, nel 2010, il nostro Paese ha esportato 6 milioni di ettolitri per un valore di 850 milioni di euro. Un successo - prosegue Boscaini - che coinvolge anche l’Amarone, il rosso di alta gamma più apprezzato dai tedeschi. In questo scenario risulta strategica la partnership con Air Dolomiti con cui, da due anni, condividiamo politiche di promozione e valorizzazione del made in Italy di eccellenza”.


“Ospitare a Spazio Italia gli storici produttori dell’Amarone è un’ottima opportunità per far conoscere un grande vino ad un pubblico importante come quello che transita ogni giorno sull’hub bavarese- spiega invece Michael Kraus, presidente e amministratore delegato di Air Dolomiti-. Le Famiglie dell’Amarone d’Arte rappresentano quanto c’è di meglio sul territorio e come Air Dolomiti promuovono le ricchezze e il patrimonio culturale della Regione d’appartenenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 12 famiglie dell'Amarone in vetrina all'aeroporto di Monaco

VeronaSera è in caricamento