La citt laboratorio della liberalizzazione delle poste

Tnt Post ha partnership con i supermercati Migross presso i quali si pu ritirate la corrispondenza

La citt laboratorio della liberalizzazione delle poste

La rivoluzione dell'universo della posta è incominciata. L'inizio della mertamorfosi del servizio di corrispondenza ha una data precisa, 22 dicembre 2010. In quel giorno è stato approvato infatti il decreto legislativo che riforma la materia, anche se manca ancora il via libera da parte del Consiglio dei Ministri che deve deve ancora finire di sentire i pareri delle commissioni competenti. La legge tra lealtre cose equiparerà all'ufficio postale in uscita un gran numero di altri esercizi, come edicole tabaccherie e supermercati.

In sostanza le raccomandate, che per essere ricevute necessitano di una firma da parte del destinatario, potranno essere ritirate in negozi che sono aperti per tutto il giorno e anche al sabato, sgravando così il lavoro degli uffici postali tradizionali che, da qualche anno, si sono visti aumentare clamorosamente le mansioni con l'apertura al mondo del risparmio da parte di Poste Italiane.

L'altro passo della rivoluzione è la revoca dell'esclusiva a poste italiane per la corrispondenza sotto i 50 grammi di peso. In questo senso il futuro è già qui da circa un mese dal momento che gli altri operatori si sono potuti attivare dal 1 gennaio. E a tal proposito Verona è proprio uno dei laboratori italiani grazie all'accordo che Tnt Post Italia ha stretto con la catena della grande distribuzione Migross.

 
La società ha una quota del mercato nazionale pari al 7% con l'obiettivo di puntare al 20% entro il 2015 e ha raggiunto un accordo interessante già lo scorso giugno che da sperimentale è diventato definitivo con l'inizio dell'anno: "Per mezzo del servizio di raccomandata classica gestiamo completamente gli invii registrati dei clienti attraverso le fasi di preparazione, recapito e gestione degli avvisi di ritorno. Nel caso non sia disponibile il destinatario, i nostri operatori  lasciano l'avviso di passaggio e giacenza per il ritiro presso la filiale più vicina che a questo punto è il supermercato, con la possibilità di avere orari più estesi per il ritiro e maggiore comodità". Una vera e propria manna, in prospettiva, per tanti comuni del Veronese che lamentano la scarsità di uffici postali e le code che conseguente si formano nell'unico punto di smistamento. A Verona per ora i punti vendita Migross convenzionati con il servizio postale sono quelli di via Casorati, di via Faliero e di via Roveggia a Golosine.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento