I sindaci: "Ora diamoli alla gente"

Tessari (Monteforte) e Gambaretto (Soave) stanno facendo le corse per dare i soldi per le feste

I sindaci: "Ora diamoli alla gente"

Il presidente della Regione Luca Zaia ha annunciato questa mattina l’arrivo del primo acconto del Governo per il rimborso dei danni provocati dall’alluvione che si è abbattuta su tutto il Veneto lo scorso Ognisanti, ma i sindaci delle zone interessate ancora stentano a credere che sia vero.

“Fino a ieri mi basavo solo sulle poche notizie che davano i giornali – ha detto il primo cittadino di Monteforte d’Alpone Carlo Tessari -. Sono in contatto continuo con i tecnici della Regione per capire l’iter da seguire, adesso che ci sono questi soldi spero che ci dicano quale potrebbe essere l’acconto destinato a Monteforte”. Tesari spera, comunque, “di poter erogare i soldi ai cittadini entro Natale”.


“Ora dobbiamo capire quando potremmo liquidare i primi contributi – ha detto Lino Gambaretto, sindaco di Soave -. Il nostro problema è che le banche non ci permettono di fare operazioni di questo genere dopo il 20 di dicembre. Noi faremmo il possibile per far avere i soldi alla popolazione il prima possibile, ma abbiamo bisogno di un aiuto da parte degli istituti di credito”. Intanto Gambaretto ha già convocato, per domani mattina, i tecnici del Comune di Soave per compilare i criteri di assegnazione dei vari acconti: “Non sappiamo se la decisione di questi criteri spetti a noi o alla Regione, ma intanto noi creiamo una nostro prospetto, in modo da, se dovesse servire, accorciare i tempi”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento