Finanziamenti a fondo perduto per le aziende alluvionate

L'ente bilaterale del commercio e del turismo ha stanziato un plafond di 250mila euro

Finanziamenti a fondo perduto per le aziende alluvionate
Finanziamenti a fondo perduto per l’alluvione e contro la crisi: a garantirli è l’Ente bilaterale del commercio e del turismo della provincia di Verona, organismo composto da Confcommercio Verona e sindacati dei lavoratori. Ne hanno parlato in una conferenza stampa tenutasi questa mattina nella sede di Confcommercio Verona Nicola Baldo, presidente dell’Ente, Floriano Zanoni, vicepresidente e i componenti il Consiglio direttivo.  

A seguito dell’accordo del 25 novembre 2011 tra Confcommercio e organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl ed Uiltucs Uil di Verona, l’Ente ha stanziato un fondo di 250 mila euro per interventi a favore delle aziende con sede nei Comuni di Soave e Monteforte d’Alpone e dei lavoratori del settore commercio e terziario residenti nei due Comuni colpiti dall’alluvione. Nei giorni scorsi l’ente ha proceduto all’erogazione del contributo alle Aziende e ai lavoratori che ne avevano fatto richiesta, ma gran parte dei fondi è ancora a disposizione poiché non vi è stata richiesta soprattutto da parte dei lavoratori: sono stati infatti erogati in tutto “solo” 38mila e 250 euro a favore di 19 dipendenti di aziende del commercio e servizi impiegati residenti nei comuni di Monteforte e Soave e di 2 aziende con sede nel comune di Soave Visto poi il verificarsi di una seconda alluvione, il 16 marzo scorso, e alla luce della volontà dell’Ente di dare servizi alle aziende e ai lavoratori aderenti, il Consiglio Direttivo del 24 marzo ha deliberato una proroga della scadenza dei termine (dal 31 dicembre 2010 al prossimo 30 giugno), per inoltrare la richiesta di contributo danni subiti nella prima alluvione di novembre 2010 o per chi è stato colpito dall’alluvione di marzo 2011 e non abbia già goduto del contributo.

L’Ente bilaterale ha inoltre confermato anche per il 2011 un fondo anticrisi di 400 mila euro con accordo sindacale del 16 dicembre 2010 a fronte della crisi economica che sta ancora interessando il territorio veronese coinvolgendo il settore del terziario, della distribuzione e dei servizi. Gli interventi finanziati sono tre. La sospensione dal lavoro per un massimo di 90 giornate per le quali l’ente eroga, direttamente al lavoratore in sospensione, il 20% dell’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali. La riduzione di orario di lavoro per coloro che siglano contratti di solidarietà che prevedano la diminuzione dell’orario di lavoro al fine di evitare licenziamenti individuali o plurimi con un contributo orario lordo di 8 euro. Il premio assunzione dipendenti licenziati di 2mila euro a favore delle aziende che nell’anno in corso assumo a tempo indeterminato lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo da imprese del terziario Per informazioni: Ente bilaterale del commercio e dei servizi della provincia di Verona, tel.045.862.18.36. www.entebilaterale.vr.it

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento