D'Arienzo: "Sert? Punto di riferimento per lo spaccio"

Il segretario provinciale del Pd: "E' una scelta sbagliata spostare la struttura in via Pacinotti"

D'Arienzo: "Sert? Punto di riferimento per lo spaccio"
Ha fatto scalpore l’arresto dei due spacciatori che incontravano il giro di clienti proprio sotto il naso degli uomini dell’arma, vicino alla caserma e al Sert di via D’Acquisto. “Questo fatto dimostra ancora una volta la pericolosità della scelta di spostare la struttura in via Pacinotti” ha dichiarato il segretario provinciale del Pd Vincenzo D’Arienzo.

Il democratico rincara la dose: “Via Pacinotti presenta segni di abbandono e di scarsa illuminazione pubblica. Di fronte c’è un caseggiato non in uso che, secondo quanto asserito dai residenti, è già adesso frequentato da persone diverse senza averne diritto. Cosa accadrà ancora con il Sert? Visti questi precedenti, l’allarme è d’obbligo. Non si possono relegare circa 700 utenti in un luogo così isolato. Il tema è di sicurezza e ordine pubblico, in particolare per i residenti dei quartieri Golosine e Santa Lucia, quelli più prossimi ai due Sert. Saranno centinaia i pazienti che circoleranno per l’area. Avevano ragione i genitori dei ragazzi che frequentano la struttura di via D’Acquisto: il pericolo che i loro figli ricaschino nel tunnel della droga è altissimo proprio a causa degli spacciatori che fanno dei Sert uno dei punti di riferimento”.

D’Arienzo conclude lanciando un appello: “Spero che gli assessori comunali che si sono detti contrari adesso alzino la voce. Ne va della loro credibilità”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento